Prima i sospetti, poi la convocazione in caserma. Papà Nicola è stato sottoposto a interrogatorio nella nottata da parte dei militari della Compagnia di Cassino insieme al reparto operativo del Comando Provinciale di Frosinone. A seguito di una incessante attività investigativa è stato eseguito il fermo disposto dal pubblico ministero che condivideva il quadro accusatorio delineato dai militari nei confronti di Nicola Feroleto di 48 anni, nato a Sant'Ambrogio ma residente a Villa Santa Lucia, per l'omicidio del figlio Gabriel di due anni, perpetrato in concorso con la madre del piccolo, Donatella Di Bona, sottoposta anch'essa ieri mattina a fermo.Le indagini sono state dirette dal procuratore della Repubblica dottor D'Emmanuele e dai sostituti procuratori Maisto e Bulgarini.


IERI POMERIGGIO L'UOMO DICEVA: LO AVREI SALVATO: VEDI IL VIDEO

LE PAROLE DELLA NONNA: NON PUO' ESSERE STATA MIA FIGLIA: LEGGI QUI