La città deve essere controllata attraverso occhi elettronici e l'amministrazione, dopo i ripetuti furti che hanno interessato sia il centro che la periferia, ma anche per identificare i furbetti della raccolta differenziata, corre ai ripari acquistando undici fototrappole da collocare in vari punti del territorio.
L'amministrazione De Donatis, recependo le continue segnalazioni dei cittadini che chiedono una maggiore vigilanza contro i reati ambientali e per la sicurezza pubblica, ha intenzione di attivare il progetto di videosorveglianza che prevede l'installazione delle fototrappole accompagnate dall'ausilio di materiali e strumenti necessari al loro funzionamento, nelle zone di volta in volta individuate.

Per raggiungere l'obbiettivo di potenziare la sicurezza in città, gli uffici comunali hanno messo in moto l'iter necessario per procedere con l'acquisto di undici apparecchi. Il 22 dicembre scorso il Comune ha già determinato di accettare il preventivo proposto dalla ditta "Tb Italia Spa", per un importo complessivo di 3.513 euro inclusa l'Iva. Un provvedimento che la città aspettava da tempo. Così presto verranno installate le 11 fototrappole modello "V 100" della ditta di Patrica che, fanno sapere dal municipio, ha assicurato la fornitura in tempi brevi. Si tratta di apparecchi che rilevano una presenza umana o animale e immediatamente si attivano e iniziano a riprendere.

Le fototrappole sono inoltre dotate di sistemi a infrarossi che consentono di riprendere anche di notte; sono infatti apparecchi di ultima generazione per garantire una videosorveglianza puntuale e continua. La scelta dell'amministrazione comunale serve anche a supportare con le immagini registrate eventuali indagini delle forze dell'ordine, ad esempio per i furti in casa.
Sono infatti strumenti in grado di monitorare aree aperte anche ad ampio raggio e si possono nascondere tra le piante, in modo che i malintenzionati non possano individuarle. Insomma, i furbetti che abbandonano i rifiuti in giro per la città e i ladri avranno presto un nemico in più.