Il Covid si muove, ormai, in tutta la provincia. Resta un solo comune, il più piccolo, Acquafondata, ancora senza contagi. Intanto si registra una nuova crescita del dato di Frosinone, ora a un passo da Cassino. Mentre resta la conferma di alcune aree, nel Sorano, ma anche nel Cassinate che, nella seconda fase dell'emergenza pandemica, hanno avuto un considerevole incremento di casi.
I numeri
Il Seresmi, il servizio regionale di sorveglianza sulle malattie infettive, ha aggiornato l'evoluzione del Covid in provincia di Frosinone al 15 novembre. Il capoluogo ora ha quasi raggiunto Cassino che, con 709 casi, mantiene il primato di comune ciociaro con il maggior numero di casi dall'inizio dell'emergenza. A ruota Frosinone con 707.

Più staccati gli altri centri a cominciare da Sora con 586, poi Alatri 486, Veroli 354, Ceccano 240, Monte San Giovanni Campano 224, Isola del Liri 214, Ferentino 212, Fiuggi 202, Anagni 194, Boville Ernica 184, Pontecorvo 146, Cervaro 136, Arpino 126, Ripi 98, Strangolagalli 92, Paliano 87, Ceprano 83, Piedimonte San Germano 80, Sant'Elia Fiumerapido 80, Roccasecca 79, Castrocielo 73, Aquino 70, Atina 68, Arce 67, Torrice 67, Broccostella 61, Castelliri 56, Guarcino 54 e Pofi 50. Via via tutti gli altri.
Acquafondata è l'unico comune che rimane a zero. L'altro che, fino a lunedì, era a zero, Casalattico ora ha raggiunto tre casi.

LEGGI ANCHE: Covid, Ciociaria senza tregua. I casi e i morti di ieri

Interessante è valutare l'evoluzione dei contagi nell'ultimo mese: dal 30 ottobre a oggi Frosinone ha registrato, secondo il dato del Seresmi, 377 casi, Alatri 305, Sora 298, Cassino 294, Veroli 195, Monte San Giovanni Campano 135, Anagni 132, Isola del Liri 128, Ferentino 121, Ceccano 117, Boville Ernica 92, Fiuggi 91, Arpino 78, Cervaro 67, Paliano 64, Atina 55, Stangolagalli 55, Ceprano 46, Sant'Elia Fiumerapido 46, Ripi 45.

La fase due
Da dopo l'estate ad adesso e, dunque, nella seconda fase della pandemia, si contano 647 casi a Cassino, 622 a Frosinone, 542 a Sora, 423 ad Alatri, 279 a Veroli, 214 a Ceccano, 214 a Monte San Giovanni Campano, 208 a Isola del Liri, 178 a Ferentino, 173 ad Anagni, 170 a Boville Ernica, 166 a Fiuggi, 131 a Pontecorvo, 119 a Cervaro, 115 ad Arpino, 89 a Ripi, 87 a Strangolagalli, 84 a Paliano, 79 a Piedimonte San Germano, 74 a Sant'Elia Fiumerapido, 73 a Roccasecca, 72 a Castrocielo, 68 ad Aquino, 65 a Ceprano, 63 ad Atina, 58 a Broccostella, 55 ad Arce, 55 a Castelliri, 54 a Torrice, 50 a Guarcino per restare tra i centri che hanno avuto almeno una cinquantina di casi di incremento.

L'indice
Il tasso di contagio per 10.000 residenti è di 225,63 a Sora, di 215,84 a Boville Ernica, di 194,26 a Cassino, di 192,18 a Fiuggi, di 186,38 a Isola del Liri, di 176,29 a Monte San Giovanni Campano, di 176,22 ad Arpino, di 173,41 a Veroli, di 168,97 ad Alatri, di 168,05 a Cervaro, di 160,19 ad Atina, di 153,49 a Frosinone, di 111,24 a Pontecorvo, di 106,58 a Paliano, di 102,65 a Ceccano, di 100,99 a Ferentino, di 90,64 ad Anagni.
Il capoluogo
Sulla base del monitoraggio condotto dal Comune di Frosinone, si registrano 286 casi nel mese di ottobre per una media di 9,22 contagi al giorno e 479 a novembre, con dato aggiornato al 18, per una media giornaliera di 26,61. A dimostrazione di come anche nel centro principale della provincia la differenza tra ottobre e novembre (765 casi totali) sia piuttosto marcata in favore del secondo. Nel dato di novembre, per il capoluogo, spiccano i 57 contagi del 6 novembre e i 44 del 3 novembre. Il minimo finora ottenuto è dato dagli 11 casi del 3 novembre. Da agosto il Comune di Frosinone conta 816 positivi.