Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Comune infestato dall'amianto: il sindaco corre ai ripari
0

Rischi dell'amianto, tecnici ed esperti a confronto

Veroli

“A come Amianto…A come Asbestosi”, grande successo di pubblico per il convegno promosso dal circolo Lamasena, che si è tenuto lo scorso weekend nella sala parrocchiale dell’Abbazia di Casamari. L’inquinamento da amianto provoca più di 5.000 decessi l’anno in Italia e più di 100.000 nel mondo. Numeri impressionanti soprattutto se si pensa alle tante discariche ancora disseminate sul territorio e mai bonificate.

L’asbesto (o amianto) è anche considerato uno dei maggiori responsabili delle morti sul lavoro, tuttavia non è percepita la sua pericolosità per fattori che riguardano il periodo di latenza delle malattie correlate che può arrivare ad oltre 40 anni dalla prima esposizione alle sue fibre. Per dare una risposta alle tante domande che i cittadini si pongono sul tema, il circolo Lamasena di Legambiente ha organizzato un convegno pubblico, dove hanno partecipato interlocutori qualificati.

La conferenza si è svolta con il benestare dell’on. Mauro Buschini, assessore all’Ambiente della Regione Lazio, dell’on. Cristiana Avenali, promotrice della legge regionale sulla prevenzione e il risanamento dell’ambiente dall’amianto, e il contributo del Cap. Marco Cavallo, comandante del Noe di Roma, del dott. Francesco Forastiere, direttore dell’unità operativa complessa del dipartimento epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio, del dott. Fulvio Cavariani, direttore Uoc regionale amianto, della dott.ssa Rosa Ferri, coordinatrice del “Progetto Amianto” della Asl di Frosinone, del dott. Giorgio Zampetti, responsabile scientifico nazionale di Legambiente, del dott. Norberto Venturi presidente Lilt di Frosinone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400