Ultimi frenetici giorni di campagna elettorale prima del silenzio di sabato. Poi, domenica e lunedì, il voto del ballottaggio che consegnerà l'amministrazione della città al nuovo sindaco e al nuovo consiglio comunale. A giocarsi la partita finale sono Luca Di Stefano ed Eugenia Tersigni con le rispettive coalizioni di liste civiche.

A fare da ago della bilancia, anche se non con apparentamenti ufficiali, è Federico Altobelli, candidato sindaco del centrodestra al primo turno, sostenuto dalle liste di Udc, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega e Cambiamo. La coalizione ha incaricato lui di trattare possibili convergenze con i due candidati sindaci. I giorni passano ma dichiarazioni ufficiali della coalizione tardano ad arrivare. Oggi dovrebbe essere la volta buona: in mattinata, infatti, l'avvocato Altobelli ha indetto una conferenza stampa.

Fuori dal proscenio elettorale gli altri due candidati sindaci bocciati dall'elettorato al primo turno: Roberto De Donatis, primo cittadino uscente, e Valeria Di Folco del M5s. «Non è stata colta l'occasione per dare vita ad una coalizione che avrebbe davvero avuto la possibilità di cambiare il panorama politico sorano - sottolinea quest'ultima - Non è stata colta e si è preferito nuovamente ammainare simboli e idee per gettarsi in ordine sparso sui vari carri che si ritenevano vincenti».

Dal canto suo il sindaco uscente si augurava un risultato ben diverso: «È sempre difficile superare la prova di avere amministrato - dice De Donatis - Ne ero consapevole, ma sentivo il dovere etico e morale di raccontare e spiegare ai miei concittadini l'impegno di questi anni difficili, di cui gli ultimi due a dir poco terribili. Sentivo altrettanto forte l'esigenza di dire loro che il lascito del lavoro svolto è una dote di straordinario valore per il futuro della città. Ho voluto una squadra diversa, in buona parte al di fuori del brodo della politica, ma ricca di entusiasmo e competenza.

Ho creduto nell'idea di un voto svincolato da logiche coercitive. Il popolo è sovrano. Avanti Sora, sempre».
Intanto i comitati "no Conca" sollecitano Eugenia Tersigni e Luca Di Stefano a schierarsi sulla vicenda del consorzio di bonifica. Il consigliere di Isola del Liri Mauro Tomaselli chiede loro "se sono favorevoli all'uscita dal perimetro di contribuenza del Comune di Sora con apposita delibera da approvare in consiglio comunale per poi inviare alla Regione Lazio per la definitiva approvazione".