Inciviltà di scena in pieno centro. Con la gente che resta sbigottita. E disgustata. È accaduto sabato sera in piazza Santa Restituta dove un gruppo di ragazzi ha urinato per strada, sotto gli occhi di chi era seduto ai tavoli dei locali sorseggiando una bibita fresca. Un comportamento in spregio alla "cosa pubblica" e al decoro stesso della città che ha sconvolto i presenti. Non sono mancati commenti al vetriolo.

Intanto la movida notturna fa le sue solite vittime: i residenti che fino a tardissima ora non riescono a dormire. Come accade in via Vittorio Emanuele III, nei pressi di corso Volsci. Numerose sono le segnalazioni di schiamazzi interminabili, ma la storia, specie nei weekend, si ripete regolarmente e chi abita nella zona non riesce a prendere sonno. Sabato notte l'ennesimo episodio.

«Chiamiamo spesso le forze dell'ordine, vengono, controllano, ma poi dopo qualche giorno il problema si ripresenta», dice sconsolata un'anziana donna che vive proprio in via Vittorio Emanuele III. La signora abita da sola e i suoi parenti sono preoccupati; lei però si chiude dentro e se ha paura chiama polizia e carabinieri. Come accade quando sotto casa sua, complici i fumi dell'alcol, si litiga e si urla.

«Ormai da tanti anni si parla delle telecamere di sorveglianza, ma qui ancora non è stato installato nulla - aggiunge la signora - Con le telecamere il controllo sarebbe maggiore». Da qui il suo accorato appello agli amministratori comunali affinché recepiscano la richiesta di aiuto degli abitanti della strada che più volte hanno sporto denuncia contro ignoti per provare ad allontanare chi bivacca rumorosamente sotto le loro finestre fino a notte fonda, talvolta fino all'alba.

Il sistema di videosorveglianza, collegato con le forze dell'ordine, potrebbero aiutare a individuare i colpevoli di comportamenti non più tollerabili e a scoraggiare chi ha brutte intenzioni. Ciò che chiedono i residenti del centro storico, esasperati dalle nottate insonni.