Infermiere aggredito in ospedale. Vittima dell'episodio un professionista di Arpino che ha subìto un violento tentativo di furto all'interno del Santissima Trinità.

Ieri mattina, poco prima delle sette, l'infermiere si era presentato in ospedale per iniziare il suo turno di lavoro.
Prima di varcare le porte del suo reparto e prendere servizio, ha raggiunto lo spogliatoio degli uomini per cambiarsi. Era solo, con lui nessun collega. Una volta tolti gli abiti civili e indossati quelli da lavoro si stava recando al reparto quando nel tragitto si è imbattuto in due uomini di nazionalità straniera.

I due giovani, di circa venticinque anni, entrambi di corporatura robusta, erano fermi lì, senza mascherina.
L'infermiere ha domandato loro cosa stessero facendo.
Per tutta risposta uno dei due ha chiesto dei soldi e l'infermiere ha risposto che non aveva contante con sé è stato violentemente aggredito da entrambi.

L'hanno preso per il collo e uno dei due aggressori l'ha colpito ripetutamente con un bastone. L'infermiere ha iniziato a perdere sangue dalla fronte e i due sono scappati. L'operatore sanitario si è poi recato nel suo reparto dove è stato medicato e portato al pronto soccorso per gli accertamenti del caso. Per lui la prognosi è di sei giorni.

Al Santissima Trinità sono arrivati i carabinieri che hanno raccolto le dichiarazioni dell'infermiere che ha sporto denuncia. Torna di stretta attualità il tema della mancanza di controlli all'ingresso del nosocomio sorano, perché non è ammissibile che chiunque possa entrare e raggiungere i vari ambienti dell'ospedale e, come in questo caso, tentare di rubare qualcosa.