Sono rimasti in silenzio finora. Ma stamattina hanno deciso di divulgare la loro reazione dopo lo scandalo che ha travolto l'ex abate Pietro Vittorelli.

A parlare è la comunità monastica e il suo abate, dom Donato Ogliari: "Le gravi e dolorose notizie degli ultimi giorni hanno profondamente scosso la nostra comunità monastica e il secolare, indissolubile legame che unisce l'Abbazia alla sua città, Cassino, e a tutto il suo territorio, la Terra di San Benedetto".

Il momento è "difficile" e delicato, tanto è lo "smarrimento e l'amarezza", ammettono i monaci. Per questo - argomentano - hanno deciso di parlare solo a debita distanza dagli eventi.

Nella nota divulgata non nascondono "l'errore, anche grave di un fratello" ma spiegano che esso "non può e non deve travolgere tutti e tutto".

Ai fedeli un messaggio dirompente: "Chiediamo, tuttavia, perdono a quanti sono rimasti feriti e scandalizzati dalle notizie divulgate, e ringraziamo tutti coloro che in questi giorni ci hanno dimostrato affetto e solidarietà. A questi ultimi, e sono tantissimi, va, fin d'ora, il nostro grazie".