Nella serata di ieri, ad Alatri, i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato tre persone per "furto aggravato in concorso". I militari, durante un servizio perlustrativo, hanno notato un'autovettura con tre persone a bordo che, alla loro vista, ha accelerato destando sospetto.

Gli uomini della Benemerita hanno fermato l'auto e controllato i tre soggetti, i quali hanno mostrato un nervosismo tale da indurre i militari a procedere ad una perquisizione veicolare. Grazie alla stessa sono emersi all'interno del cofano circa 150 kg di cavi elettrici in rame rubati poco prima da un albergo di Frosinone, come emerso in seguito agli accertamenti.

La refurtiva recuperata è stata restituita al legittimo proprietario. I tre frusinati arrestati, C.E. 36enne, M.G. 58enne e M.C. 31enne, sono già noti alle forze dell'ordine rispettivamente per reati contro il patrimonio, la famiglia e la persona, per reati contro la persona, truffa ed estorsione e per ricettazione. Il 36enne ed il 31enne sono stati posti in regime degli arresti domiciliari, mentre il 58enne è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Alatri, tutti in attesa di giudizio direttissimo. 

Ladri in manette nella serata di ieri, grazie ad un'azione combinata dei carabinieri di Alatri e Ceccano. I militari del Comando Provinciale di Frosinone, infatti, nel corso di servizi di controllo del territorio hanno tratto in arresto ad Alatri tre persone resesi responsabili del reato di furto aggravato commesso poco prima a Frosinone. Altre due persone sono state denunciate a Paliano, sempre per il reato di furto.

A Ceccano, invece, è stata arrestata un'altra persona in quanto trovata in possesso di 12,72 grammi di marijuana già suddivisa in 9 dosi. Una successiva perquisizione domiciliare ha poi consentito di rinvenire ulteriori 104 grammi della stessa sostanza ancora da dividere e materiale per il confezionamento della stessa. 

SEGUONO AGGIORNAMENTI

di: La Redazione