Muore sui suoi amati monti, raggiunto da un colpo d'arma da fuoco all'addome. Placidino Villani - 30 anni di Esperia - ha perso la vita ieri mattina, tra le rocce in località Selvi, ad Esperia, una zona tanto impervia da raggiungere che per recuperare il corpo senza vita del trentunenne si è reso necessario l'intervento degli operatori del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico.

Placidino Villani, appassionato di caccia e amante della natura, aveva raggiunto uno spiazzo in località Selvi dove, fatti saltare giù dall'auto i suoi cani, aveva iniziato a percorrere quei sentieri duri e meravigliosi. Non era certo la prima volta che il trentunenne prendeva parte a una battuta di caccia al cinghiale: con i suoi amici, avevano tante volte calpestato le strade di montagna facendosi largo tra arbusti, alberi antichi e dirupi in cerca della preda da scovare scrutando una foglia vibrare, un arbusto muoversi, un'ombra confondersi tra quelle create dal sole che a stento vi fa capolino.

Ieri, poco prima delle 10.30, Placidino è stato raggiunto da un colpo di fucile all'addome: in base a una prima ricostruzione dei fatti, il colpo sarebbe partito accidentalmente proprio dal suo fucile. Potrebbe aver forse messo un piede in fallo, perdendo l'equilibrio prima che il colpo lo raggiungesse a un braccio e poi all'addome. Una ricostruzione, questa, ancora sommaria - nelle mani dei carabinieri della Compagnia di Pontecorvo - tutta da definire.

Per leggere i precedenti articoli sull'episodio CLICCA QUI

Gli amici che erano con lui, ascoltati fino a tardi, non hanno potuto salvarlo in alcun modo: quel colpo purtroppo è risultato fatale. Sarà adesso l'autopsia a stabilire con maggiore precisione le cause del decesso, confermando l'ipotesi iniziale: a stroncare il giovane un terribile incidente di caccia.