Il monte San Casto diverrà monumento naturale.
Lunedì, in sala consiliare, è stato presentato il lavoro per centrare questo ambizioso obiettivo. Entusiasta il capogruppo del Movimento 5 stelle alla Pisana, il consigliere Loreto Marcelli, che ha presentato il progetto insieme l'assessore alla transizione ecologica e trasformazione digitale della Regione Lazio, Roberta Lombardi, al presidente della commissione ambiente dell'assemblea regionale, Valerio Novelli, e al sindaco Roberto De Donatis. Presenti all'incontro anche il sottosegretario al ministero della transizione ecologica, Ilaria Fontana, e la deputata M5s Enrica Segneri.

«Possiamo finalmente dire che mancano pochissimi passaggi - ha assicurato Marcelli -. Istituire il monumento naturale di San Cassio e Casto vuol dire garantire la conservazione e la valorizzazione dell'area e intraprendere azioni di conservazione e di tutela». 

Anche il sindaco Roberto De Donatis ha elogiato il progetto frutto di un lavoro di squadra, come confermato dall'assessore Lombardi: «Dopo l'approvazione della delibera di giunta regionale per l'istituzione del monumento naturale "Rocca Sorella Castello di San Casto", la direzione ambiente della Regione procede spedita con l'iter per raccogliere le osservazioni dei cittadini e degli enti locali coinvolti, ovvero Comune di Sora, Provincia di Frosinone e Comunità montana di Valle del Liri. Poi il provvedimento passerà all'esame della commissione agricoltura e ambiente e approderà infine alla firma del presidente Zingaretti. Un processo partecipato che porterà le istituzioni a tutelare un'area che racchiude in sé biodiversità, beni paesaggistici e archeologici».