Un quarto di parti in meno in nove anni. Se nel 2010 nei tre ospedali ciociari di Frosinone, Cassino e Sora erano state portate a termine 2.931 gravidanze, nel 2019 si registra un crollo a 2.172. Il che in termini percentuali equivale a un meno 25,89%.
I parti
Il dato emerge dal rapporto Prevale 2020, il programma regionale di valutazione degli esiti degli interventi sanitari nel Lazio reso noto dalla Regione nei giorni scorsi. L'andamento nel corso degli ultimi anni è stato di alternanza, fino al picco dei 3.073 parti del 2016. Da quel momento il calo è stato piuttosto marcato: meno 29,3%. Questo, comunque, l'andamento nel periodo considerato: 2010 2.931 parti, 2011 2.820 (meno 3,78%), 2012 2.887 (più 2,3%), 2013 2.914 (più 0,93%), 2014 2.819 (meno 3,26%), 2015 2.878 (più 2,09%), 2016 3.073 (più 6,77%), 2017 2.824 (meno 8,10%), 2018 2.627 (meno 6,97%) e 2019 2.172 (meno 17,32%).
L'andamento per singolo ospedale è il seguente. Frosinone: 2010 1.112 parti, 2011 1.072, 2012 1.246, 2013 1.266, 2014 1.238, 2015 1.398, 2016 1.403, 2017 1.270, 2018 1.159 e 2019 1.052. L'ultimo anno è il peggiore con una riduzione rispetto al 2010 del 5,39% che diventa del 25,01% sull'anno migliore, il 2016 con i suoi 1.403 parti. Da allora la contrazione è stata piuttosto evidente.
A Cassino nel 2010 i parti sono stati 835, l'anno dopo 2011, quindi 761, nel 2013 791, l'anno successivo 663, nel 2015 685, nel 2016 720, nel 2017 678, nel 2018 609 e nel 2019 382. Quest'ultimo è il dato peggiore e di molto rispetto alla serie: meno 54,25%. L'anno migliore resta il 2013 con 791, da lì, tranne il 2016, c'è stato un calo netto.
A Sora l'anno migliore è il primo con 984 e il peggiore l'ultimo con 738 (meno 25%). L'andamento è stato il seguente: 2010 984, 2011 945, 2012 880, 2013 857, 2014 918, 2015 795, 2016 950, 2017 876, 2018 859 e 2019 738.

Frosinone
Dando uno sguardo agli altri numeri dell'ospedale Fabrizio Spaziani, il volume dei ricoveri per scompenso cardiaco ha vissuto momenti di alternanza, con una crescita negli ultimi due anni fino ai 391, il dato più alto dal 2010 con una crescita dell'8,61%. Questo l'andamento nel tempo: 2010 360 ricoveri, 2011 351, 2012 316, 2013 343, 2014 307, 2015 331, 2016 364, 2017 305, 2018 346 e 2019 391. I ricoveri con almeno un intervento di angioplastica sono stati 147 nel 2010 e 448 nel 2019, più 204,76%. Quattro gli anni stabilmente sopra i 500 ricoveri. Questo il trend: 2010 147, 2011 240, 2012 404, 2013 505, 2014 522, 2015 528, 2016 468, 2017 428, 2018 415 e 2019 448.
Più lineare l'andamento dei ricoveri per ictus ischemico con un top di 278 nel 2018 contro i 130 nel 2011. Questo l'andamento: 2010 248 ricoveri, 2011 130, 2012 222, 2013 377, 2014 230, 2015 231, 2016 196, 2017 222, 2018 278 e 2019 254.
I ricoveri per la frattura del collo del femore sono passati dai 296 del 2010 ai 447 del 2017, più 51,01%, per poi attestarsi a 361. Questo il computo anno per anno: 2010 296, 2011 291, 2012, 332, 2013 422, 2014 401, 2015 414, 2016 397, 2017 447, 2018 389 e 2019 361.
Questo, invece, il volume dei ricoveri per gli interventi chirurgici per la frattura del femore: 2010 163, 2011 170, 2012 186, 2013 241, 2014 219, 2015 258, 2016 214, 2017 260, 2018 336 e 2019 299. Il numero minimo di interventi è 163 nel 2010, quello massimo è 336 del 2018. In questi otto anni la crescita è stata del 106,13%.
Un altro dato da valutare è quello dei ricoveri per broncopneumopatia cronico ostruttiva, spesso associata agli alti livelli di inquinamento dell'aria della valle del Sacco. Nel 2010 sono stati 265, poi sono saliti a 286 nel 2016 salvo poi riscendere a 143 nel 2019 (meno 46,03%). Questo l'andamento anno per anno: 2010 265, 2011 148, 2012 222, 2013 208, 2014 199, 2015 271, 2016 286, 2017 216, 2018 188 e 2019 143.

Cassino
Restando ai ricoveri per broncopneumopatia cronico ostruttiva l'ospedale di Cassino registra una crescita dai 169 del 2010 ai 458 del 2014, più 171%, salvo registrare un lieve decremento negli ultimi anni per stabilizzarsi intorno ai 370. Questo il trend: 2010 169, 2011 286, 2012 376, 2013 430, 2014 458, 2015 430, 2016 387, 2017 378, 2018 376 e 2019 369. Sempre a Cassino per scompenso cardiaco ci sono 429 ricoveri nel 2019, nel 2010 erano 312 (più 37,5%). Ma ci sono stati anni con 514 (2014), 506 (2015) e 478 (2016). Al Santa Scolastica nel 2010 c'erano 184 ricoveri per frattura del collo del femore, nel 2019 sono saliti a 228 (più 23,91%) con un top di 250 nel 2014 (più 35,86% nel periodo 2010-2014). In crescita le cifre dei ricoveri per colecistectomia: nel 2010 55, nel 2018 227 (più 312,72%), nel 2019 scesi a 198.

Sora
All'ospedale di Sora nel 2019 sono 301 i ricoveri per scompenso cardiaco, nel 2015 erano 487, nel 2016 447 e nel 2018 209, mentre nel 2010 erano 363. Poi sono 201 i ricoveri per frattura del collo del femore nel 2019, nel 2010 erano 176. I ricoveri per Bpco sono 58 nel 2019 rispetto agli 81 del 2010, con un top di 133 negli anni 2011-2012.
Alatri
All'ospedale di Alatri crescono i ricoveri per colecistectomia. Sono passati dai 14 del 2010 ai 101 del 2019, più 621%. Per scompenso cardiaco si è partiti da 189 ricoveri nel 2010 per arrivare a 94 nel 2019 con punte di 249, 250 e 255 negli anni 2014-17. Poi si è scesi (136 nel 2018). Nel 2019 ci sono stati 21 ricoveri per Bpco, gli stessi del 2010, ma nel 2017 e nel 2018 sono stati rispettivamente 51 e 45. Il minimo, 2 e 6, nel 2012-13.