Ennesima grande prestazione per l’Alatri  che si sblocca finalmente fuori casa al cospetto di un Real Theodicea tutt’altro che arrendevole. Con l’infortunio di Tiberi e la squalifica di Colasanti, mister Carlini gioca dall’inizio con sei età di lega. I ragazzi fanno un figurone e dimostrano la grande crescita di questa squadra.

Apre le marcature al 30’ del primo tempo Del Vescovo al termine di una bellissima azione corale. Kawashima mette una bella palla filtrante per Simone che crossa per il numero 11 di Alatri che supera il portiere e manda in rete con uno splendido diagonale. Un minuto più tardi clamorosa occasione per il raddoppio con Xhanay che calcia al volo dopo un lancio di Pompili, ma la sfera fa la barba al palo.

Alla mezz’ora la partita si metteva però in salita per gli ospiti, che rimanevano in dieci per l’espulsione di Xhanay per somma di ammonizioni. Ne approfittavano i padroni di casa dopo un quarto d’ora grazie a una punizione dalla destra e al colpo di testa vincente di Capraro.

La partita è molto emozionante e le occasioni non mancano da una parte e dall’altra. Al 40’ Galuppi compiva un salvataggio miracoloso sulla linea su colpo di testa di Delicato. Sul fronte opposto poco dopo Kawashima in contropiede alimentava l’azione offensiva e Settanni calciava di pochissimo al lato.

Tre minuti prima del triplice fischio il bomber dell’Alatri si faceva perdonare stoppando un ottimo lancio di Simone dalla destra, rientrando e calciando dal limite dell’area all’angolino sinistro per il definitivo 2 a 1.

Sconfitta pesante per il Real Theodicea che resta fermo a quota quattordici punti in piena zona playout insieme all’Hermada, con cui domenica prossima avrà lo scontro diretto. Per l’Alatri invece impegno casalingo contro i pontini di Santi Michele e Donato.