Una ripartenza all'insegna della sicurezza e della creatività per gli agriturismi ciociari, senza dimenticare le eccellenze e i prodotti locali. Accanto all'ospitalità tradizionale, tra le varie proposte c'è chi dà la possibilità di fare un picnic nel verde; chi offre corsi di fotografia, birdwatching, cooking-class su prenotazione; e ancora chi organizza escursioni con pranzo al sacco; chi digitalizza menù variegati per celiaci o vegani e infine chi fa vivere un'interes sante esperienza da contadino, con percorsi di fattoria didattica.

«Gli agriturismi delle nostra provincia  - spiega il presidente di Confagricoltura Frosinone, Vincenzo del Greco Spezza - si trovano nelle campagne, nei piccoli borghi e in alcune zone spesso isolate, spesso in strutture familiari e lontane dagli affollamenti, con ampi spazi all'aperto e tanta passione per la natura, oltre che per il buon cibo locale. Per questo, nella prossima stagione turistica, saranno i luoghi dove diventerà più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza e il distanziamento per difendersi dal contagio. Con l'arrivo dell'estate, possono veramente regalare emozionanti esperienze a contatto con la natura».

Del Greco Spezza cita alcune di queste interessanti aziende. A Paliano, per esempio, l'agriturismo "La Polledrara" propone il pranzo domenicale anche inversione picnic. Agli ospiti viene consegnato un cestino con un menù pratico, che permette di godere al meglio una giornata all'aria aperta. Il tutto insieme a coperte, cuscini, stoviglie compostabili e il necessario per stare in tranquillità e senza assembramenti.

L'azienda agrituristica "Il Favogoloso" di Alatri, invece, offre un interessante corso di fotografia gratuito, da abbinare a visite naturalistiche ebirdwatching, conguide che conducono gli ospiti alla scoperta del vasto territorio aziendale e la possibilità di fotografare rare specie di uccelli.
A Pastena, nei pressi delle famose grotte, c'è "Il Bosco", piccolo agriturismo a conduzione familiare che propone un interessante percorso di fattoria didattica, adatto ad adulti e bambini, con attività formative per approfondire la conoscenza del mondo rurale.
L'azienda agrituristica "La Torretta" di Arpino, immersa nel verde delle colline che circondano la città di Cicerone, propone menù per celiaci, vegetariani e vegani, con prodotti freschi e coltivati con metodo rigorosamente biologico nella proprietà Di Folco.

L'agriturismo "Il Castagneto" di Supino, oltre a organizzare cooking-class a richiesta, propone escursioni sui Monti Lepini con pranzo al sacco.
Le guide professionali conducono gli ospiti alla scoperta di un territorio di enorme pregio naturalistico, per una riscoperta delle tradizioni, non solo culinarie, della Ciociaria.

"Il Casale Cesa rustica"a Giuliano di Roma, agriturismo e bed and breakfast di charme immerso nella verde campagna, regala un'esperienza contadina nel proprio orto biologico, mentre la domenica un barbecue conviviale nel pieno rispetto del distanziamento.
«Infine  - conclude il presidente del Greco Spezza - non mancano gli agriturismi che consegnano i menù a domicilio e quelli che, invece, optano per la formula del "take away"».