Sul palco grinta, passione, eleganza, entusiasmo, emozione, bravura, bellezza. In piazza il suo pubblico, i volti di familiari, amici. La sua Sora. E gli applausi, dal primo all'ultimo meritati, la richiesta di salire di nuovo sul palco a fine concerto per riascoltare due canzoni, quel desiderio di ascoltare ancora per ore la sua voce, il rimanere incantanti davanti al suo modo di interpretare grandi artisti nazionali e internazionali, di portare messaggi importanti, sono stati la conferma più grande della stima, dell'orgoglio, dell'amore dei suoi concittadini. Valeria Altobelli, artista sorana, ha incantato i suoi concittadini e il numeroso pubblico, che martedì sera non si sono lasciati sfuggire l'occasione di cantare ed emozionarsi con lei. Due ore di concerto spettacolare in occasione della festa di San  Rocco. Con lei i suoi musicisti di sempre, grandi maestri, Azeglio Izzizzari, Massimo Izzizzari, Francesco Carlesi e Mauro Arduini. Sono stati un tutt'uno sul palco.

La musica dal vivo, quella che in questi mesi difficili, è mancata, è tornata a far cantare nel migliore dei modi, regalando una bellissima serata al pubblico presente.
Valeria ha portato sul palco le più grandi figure che hanno segnato il suo percorso artistico, soprattutto cantautorale a livello nazionale e internazionale, ad esempio De André, Battiato, Freddie Mercury, Mannoia, Mia Martini. Sullo sfondo uno schermo gigante dove sono passati i video delle sue esibizioni nella trasmissione di successo di RaiUno "Tale e quale show". Non sono mancati messaggi importanti, come ad esempio quello contro la violenza sulle donne.
Altobelli da tempo è in prima linea in iniziative per proteggere donne e bambini indifesi e vittime di violenza.

È fondatrice della Mission Onlus-NGO che conta volontarie provenienti da più di 150 Paesi in tutto il mondo. È riuscita ad unire artisti, musicisti provenienti da ogni parte del mondo. Un progetto, quello dell'artista sorana, condiviso da Diane Warren. Non sono mancati, poi, i ringraziamenti a tutto il personale sanitario che ancora oggi è in prima linea, senza sosta, per la pandemia, ai volontari, alle forze dell'ordine, alle associazioni che sono soprattutto vicino alle donne.
E poi, emozionante anche il momento del ricordo di diversi sorani che hanno perso la vita a causa del Covid e non solo. Toccante, inoltre, il momento dell'omaggio floreale e di una targa da parte del comitato di San Rocco consegnati ad Altobelli dalla mamma dell'indimenticato Christian Bellisario, con il desiderio e la richiesta di ascoltare dalla voce di Valeria "Un senso" di Vasco Rossi proprio in memoria del giovane. E Valeria, seppur non nel repertorio dei suo brani, non ha deluso la richiesta e ha dedicato in maniera impeccabile la canzone al concittadino scomparso.

Il pensiero, poi, ai bambini che, come ha sottolineato l'artista, forse hanno vissuto in maniera ancora più difficile questo periodo. Come spiegare loro di dover nascondere i loro sorrisi dietro una mascherina per cercare di proteggersi. Di stare lontano dal loro mondo fatto di giochi, di amicizie, dello stare insieme. Un'emozione dietro l'altra, insomma. Un susseguirsi di momenti, tra riflessioni (non è mancato un pensiero alla difficile situazione dell'Afghanistan) e canzoni interpretate con grinta da Altobelli. Un'anima semplice la sua. E non poteva intitolarsi in maniera diversa il suo primo singolo, "Anima semplice", portato nei Balcani al festival Kënga Magjike 2021. Il concerto si è svolto in sicurezza anche grazie all'organizzazione impeccabile del comitato festa, al servizio dei volontari e delle forze dell'ordine.

A Valeria la sua Sora non ha fatto mancare il sostegno e quella forza che in un periodo difficile, anche per il mondo della musica, dello spettacolo, non fanno altro che fare bene al cuore. E lei, Valeria, ha contraccambiato con tutta l'energia che l'ha sempre contraddistinta e con il suo cuore grande. E il suo augurio grande al mondo intero, alla città di Sora, affinché si possa ripartire il prima possibile, più forti di prima