Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









La Fiat elimina un turno: si teme per una nuova ondata di cassa integrazione

I lavoratori dello stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano

0

La Fiat elimina un turno: si teme per una nuova ondata di cassa integrazione

Piedimonte San Germano

A partire da martedì 29 marzo, ovvero subito dopo la pausa per le vacanze pasquali, lo stabilimento Fca di Piedimonte San Germano, lavorerà su un unico turno all’Alfa Giulietta, unica vettura ad oggi in produzione visto che la salita produttiva della Giulia ancora non c’è e non è chiaro quando partirà.

Stando a questa comunicazione fatta venerdì dall’azienda alle Rsa di stabilimento, tutto fa pensare che così come ha detto Marchionne nel corso dell’ultimo vertice a Torino con i sindacati, la salita produttiva della Giulia parta proprio dal 29 marzo o nei giorni subito successivo, in modo tale che un turno lavorerà sulla Giulia e un altro sulla Giulietta.

Questa comunicazione però ancora non c’è e comunque i sindacati fanno notare che le due cose non vanno di pari passo in quanto gli operai che lavorano alla Giulietta non lavorano alla Giulia. E viceversa. Ma in attesa che la berlina del Biscione inizi a mordere le strade, l'unica vettura in produzione a cassino è la Giulietta, della quale si producono circa 600 modelli al giorno, mentre la Giulia è ancora nella fase iniziale (i modelli prodotti non vanno oltre i dieci).

L’ira delle sigle

I sindacati, e in particolare la Fiom, con Donato Gatti spiegano che con questa operazione aumenterà solamente la cassa integrazione: «Ad oggi - spiega il segretario provinciale dei metalmeccanici della Cgil - si producono circa 600 modelli al giorno. Con un solo turno la produzione scenderà a 300 modelli. Questo significa una sola cosa: che aumenterà la cassa integrazione e che quindi l'8 maggio, quando scadrà la cassa integrazione straordinaria c'è il rischio che si riparta con la cassa integrazione ordinaria o con i contratti di solidarietà in quanto la Giulia, da sola,non riuscirà a saturare lo stabilimento e a permettere il rientro in fabbrica di tutti gli operai».

Bonus per i figli degli operai

Sempre nella giornata di venerdì la Fiat ha dato anche un’altra comunicazione, questa molto più gradevole per gli operai: sono aperte le iscrizioni per l’assegnazione delle borse di studio ai figli dei dipendenti che tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2015 hanno conseguito i migliori risultati scolastici e universitari. I premi partono da 2.000 euro e arrivano fino a 4.000 euro. Per accedere al benefit è necessario iscriversi nell’apposita sezione sul sito internet di Fca: c’è tempo fino a giovedì 31 marzo per consultare il bando e presentare domanda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400