Animi concitati nel corso di una partita di calcio a otto tra il club dell'ex capitano della Roma, Francesco Totti, e il Frosinone. Pallone e polemiche, dunque, sul campo della Longarina nella periferia della capitale, ma quando c'è di mezzo un personaggio come 'Er Pupone' è quasi inevitabile non parlarne. Nonostante non ci siano più i riflettori della serie A ad illuminare l'ex campione giallorosso, oggi il web è inondato di news che lo riguardano e che puntano anche sulla realtà vicina al nostro territorio. L'occasione, come dicevamo, è una partita di calcio a otto, un torneo amatoriale non riconosciuto nel mondo della Federcalcio, in cui sono scese sul manto erboso proprio il Totti Sporting Club e l'Asd Evojob, squadra affiliata al Frosinone Calcio, del tecnico Otello Ippoliti.

Il match, acceso e spettacolare, termina 2 a 2 con i giallazzurri abili ad agguantare il pari proprio in 'zona Cesarini'. Una partita che non ha lesinato gol e neppure emozioni e 'chiacchiericci'. Il finale di gara, soprattutto, è stato infiammato da un episodio particolare. Proprio Totti, per recuperare un pallone rinviato dal portiere, ha allargato un po' troppo il braccio finendo per colpire al volto il capitano dei ciociari, Iannuccillo. Inevitabili momenti di caos in campo, con il ragazzo costretto momentaneamente ad uscire per un taglio sul viso. Il 'fuoco' sembra propagarsi alle panchine, con un botta e risposta che sfiora il contatto fisico.

Da una parte i dirigenti della Totti Sporting Club e dall'altra quelli del Frosinone intervengono per evitare lo scoppiare di una rissa. Il vero passo in più, però, lo fa proprio Francesco Totti – che immediatamente si era scusato con l'avversario -, il quale tranquillizza le parti e permette il riprendere dell'incontro mettendo a tacere le discussioni. "Tutto è bene quel che finisce bene", tanto è vero che la sfida mette la dicitura 'the end' con un bel 'terzo tempo', una cena tra padroni di casa e ospiti, in assoluta tranquillità e dove si onora il valore della sportività.

In merito alla vicenda abbiamo sentito il presidente dell'Asd Evojob che ha tenuto a fare delle precisazioni: "Non c'è stata nessuna rissa, solo animi esacerbati, come a volte può accadere durante una partita, ma nulla di più. Da parte nostra massimo rispetto per l'uomo e il campione Francesco Totti, come di tutti gli avversari. Semmai abbiamo esasperato il nostro ‘fair play' a fine gara, quando ci siamo ritrovati con i giocatori del Totti Sporting Club C8 per uno scambio di complimenti, a conferma del clima sereno tra le due squadre".