Stamane il Frosinone di Alessandro Nesta ha concluso la preparazione dopo una settimana di lavoro per preparare al meglio l'importante e difficile partita di domani pomeriggio sul campo del Venezia. Sarà la "quarta finale" del girone di ritorno che Brighenti e compagni dovranno affrontare con il massimo impegno per continuare sul percorso che la squadra ha imboccato dopo la sosta per le festività di fine anno. E, soprattutto, per "catturar e" ancora punti che varranno oro nella lotta per entrare nei play off nella posizione migliore.

Dopo la frenata nelle ultime tre partite del girone di andata che hanno fruttato soltanto un punto dei nove a disposizione, la squadra si è ripresa conquistandone sette su nove nel seguente tris di incontri. Che sono valsi per rientrare nella zona dei play off, che ora dovrà essere ulteriormente migliorata. Perciò guai a fermarsi perchè la trasferta in Veneto, contro una squadra che grazie alla vittoria sul Chievo è uscita dalla zona play out ed è decisa a non tornarci, arriva in un momento del campionato che viene considerato come il trampolino di lancio per affrontare il periodo topico della stagione (dai primi di aprile in poi) con una maggiore tranquillità e con una accresciuta autostima delle proprie possibilità che solo i successi possono garantire.

Paganini, sospetto stiramento
L'esterno di centrocampo giallazzurro dovrà saltare con tutta probabilità le prossime tre gare, cioè quelle con il Venezia, il Perugia e il Cosenza. L'esame ecografico cui è stato sottoposto presso il Centro Aditerm di Ferentino ha evidenziato una "sospetta lesione di primo grado al bicipite femorale della coscia sinistra" che bisognerà valutare nel modo migliore nei prossimi giorni.

Quando il giocatore sarà sottoposto a ulteriori accertamenti strumentali, in seguito ai quali si potrà determinare meglio la reale entità del problema che sembrava essere stato superato. Tanto che martedì pomeriggio lo stesso giocatore aveva avuto il benestare per tornare ad allenarsi in gruppo. Comunque Luca Paganini fin da ieri mattina è stato sottoposto alle terapie del caso.

Capuano, lavoro in palestra
Marco Capuano ha lasciato l'ospedale Fabrizio Spaziani per riprendere con tutte le cautele del caso gli allenamenti. Come si sa il difensore, dopo lo scontro fortuito avvenuto nel finale del primo tempo della partita con l'Entella, ha riportato la frattura del setto nasale ed è stato costretto al ricovero in ospedale dove i sanitari lo hanno sottoposto a un intervento chirurgico per ridurgli la lesione. Ieri mattina Capuano ha ripreso a lavorare in palestra all'interno della "Città dello Sport" ma, ovviamente dovranno passare ancora dei giorni prima che possa tornare in campo.

La squadra, ha continuato sul campo il lavoro con un'altra seduta squisitamente tattica, conclusa con la partita su campo ridotto. Stamane l'ultimo allenamento e, quindi, nel primo pomeriggio la partenza alla volta di Venezia. Alessandro Nesta, assenze di Paganini e Capuano a parte, potrà contare su tutti gli altri canarini che garantiscono alternative nei tre reparti.

Insomma potrà mandate in campo la formazione che ritiene possa essere la migliore contro un avversario che, finora, al "Penzo" ha conquistato pochi punti. Due vittorie e tre pari su dieci gare. Cioè la metà dei punti che, invece,ha ottenuto in trasferta. Nesta, insomma, oltre a indovinare la formazione, dovrà essere bravo anche a scoprire perchè in casa il Venezia ha raccolto poco.