Il Frosinone torna al successo su un campo che, nelle ultime cinque sfide tra ciociari e marchigiani, amichevole di agosto dell'anno scorso compresa, è stato sempre prodigo di punti. Quattro vittorie per uno a zero e un pareggio con un gol per parte. La più importante? Quella di ieri sera perchè ha di nuovo catapultato i canarini in zona play off. Addirittura al quinto posto. Insomma il Frosinone interrompe il digiuno dopo i due pareggi e altrettante sconfitte, riallacciando il discorso interrotto dopo il successo sul Pescara del 14 dicembre scorso. Soddisfatto Nesta anche se un appunto alla squadra lo fa.

Partita dai due volti: insufficiente nel primo tempo, positiva nella ripresa. Il gol ha sbloccato e ridato vigore al gioco della sua squadra?
«Il primo tempo è da archiviare. In pochi hanno tenuto in piedi la baracca equesto non va bene. Nei momenti difficili, quando cioèla squadra è in difficoltà, debbono soccorrerla tutti, È l'unico punto negativo di questa gara vinta per il resto con
merito»

Nella ripresa tutto è cambiato, anche per il gol di Citro?
«Il gol ha fatto bene a tutta la squadra. Ha rappresentato una salutare iniezione di fiducia. Tutti hanno tenuto botta e siamo cresciuti. Comunque non siamo stati brillanti pertante ragione,Non ultimaquella che riguarda Citro, Salvi e Rohden che sono rientrati a tempo pieno dopo aver saltato molto gare. Allo stesso tempo sono ovviamente soddisfatto della loro prova».

Che valore hanno i tre punti conquistati al Del Duca»?
«In una serie B di difficile lettura, sono stati unabella strattonata. Ma ce ne vogliono altre per stare più tranquilli. Qui può succedere di tutto. Che il Crotone, per esempio, perde in casa e che il Pescara va a vincere sul campo del Pordenone.
Comunque per i prossimi impegni bisogna stare in partita sempre e non soltanto un tempo».

Da domani che cosa si aspetta da Ardemagni?
«Non so ancora se arriverà. Comunque una punta con le sue caratteristiche che ci manca».