Una crescita costante, quella messa in atto dal Frosinone nelle ultime settimane, che adesso deve proseguire in maniera importante in occasione della trasferta in programma oggi alle 15 allo stadio "Tombolato" di Cittadella contro l'undici di mister Venturato. Dopo tre sconfitte di fila nelle gare esterne, nelle ultime due sfide lontano dal "Benito Stirpe" i canarini hanno ottenuto due pareggi e ora è arrivato il momento di conquistare il primo bottino pieno. Perché tornare a casa con i tre punti dalla trasferta veneta vorrebbe significare per l'undici di Nesta entrare in zona play off. L'obiettivo minimo più volte dichiarato da società e allenatore nel corso di questo inizio stagione.

In fondo il Frosinone visto prima a Salerno e poi a Cremona, tanto per restare alle ultime due partite lontano da casa, ha indubbiamente dimostrato di avere le carte in regola per centrare il primo blitz esterno. Certo, ogni gara fa storia a se, ma questo Bardi e compagni lo sanno molto bene, e siamo convinti che oggi pomeriggio riusciranno ad interpretare la sfida del "Tombolato" nel miglior modo possibile. Grazie ai sette punti ottenuti nelle ultime tre partite, oggi la formazione di Nesta è molto più cosciente dei propri mezzi e questo non può che aiutare nel provare a centrare l'impresa. L'importante sarà non avere cali di tensione durante l'arco dei novanta minuti di gioco, e avere sempre ilmassimo della lucidità nel capire quandoe come attaccare l'avversario e quando invece difendere con ordine e cognizione di causa.

L'aspetto tecnico e tattico
Per l'occasione il tecnico dei ciociari dovrà rinunciare, oltre al solito Trotta ancora alle prese con il fastidio alla schiena, anche allo squalificato Brighenti. Un forfait importante se si considera che il capitano è l'unico destro naturale nella mini rosa dei difensori centrali, insieme a Szyminski che però non è al 100% per poter giocare dall'inizio. A questo punto, partendo dal presupposto della conferma della difesa a tre, sul centro destra potrebbe essere adattato il mancino Capuano o toccare a Salvi.

Per il resto, rispetto alla partita vinta mercoledì sera contro il Livorno, è presumibile che nell'un dici iniziale facciano ritorno Haas, Rohden e Dionisi. In definitiva la formazione anti Cittadella dovrebbe vedere Bardi in porta, schierato alle spalle del terzetto arretrato composto da uno tra Salvi o Capuano a destra, lo stesso Capuano o Krajnc a sinistra e Ariaudo in mezzo.
A centrocampo, da destra a sinistra, la scelta di Nesta dovrebbe ricadere su Paganini, Rohden, uno tra Maiello o Gori, Haas e Beghetto. In attacco, infine, a far coppia con il riconfermato Ciano, dovrebbe esserci, come detto, il rientro dal primo minuto di Dionisi.