Mano pesante da parte del giudice sportivo sul Frosinone e in particolare su Luca Paganini. La mezzala giallazzurra è stata squalificata per tre giornate di gara e, quindi, dovrà saltare gli incontgri che i canarini dovranno giocare domenica pomeriggio a Salerno e, quindi, dopo la sosta, con il Livorno al"Benito Stirpe" e a Cremona. Paganini è stato espulso nei minuti di recupero della gara di sabato contro il Cosenza per doppia ammonizione. Il primo "giallo" è arrivato per protesta dopo l'ennesimo fallo subìto da parte di Kone, mentre il secondo per una entrata in gioco pericoloso. Ed è stato a questo punto che Luca Paganini avrebbe reclamato nei confronti del direttore di gara. Il Giudice sportivo ha motivato la dura sanzione per "la doppia ammonizione per comportamento non regolamentare in campo e per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; per avere, al 50'del secondo tempo, alla notifica del provvedimento di espulsione, rivolto espressioni ingiuriose al direttore di gara".

A questo punto, con tutta probabilità, il Frosinone calcio presenterà ricorso contro la squalifica di tre giornate sperando in una riduzione della stessa, anche per permettere ad Alessandro Nesta di disporre del suo calciatore quantomeno per la delicata trasferta in programma a fine ottobre a Cremona. Per il resto altri quattro calciatori sono stati squalificati e tutti per una sola giornata: Chiaretti e Strizzolo del Pordenone, Cissé della Juve Stabia e Benedetti del Pisa. Tornando in casa Frosinone, il team manager Manuel Milana, allontanato dal campo al 42' della ripresa, è stato a sua volta squalificato per una giornata, mentre Nicolò Brighenti ha rimediato il terzo cartellino giallo di questo inizio stagione e Lorenzo Ariaudo il primo. Insomma per il Frosinone piove sul bagnato in vista della difficile trasferta di domenica pomeriggio a Salerno. La squalifica di Paganini era stata messa in preventivo ma non nella misura in cui è stata decisa dal Giudice sportivo avv. Emilio Battaglia. Per fortuna il campionato, dopo la gara dell'Arechi, osserverà un turno di riposo e c'è dunque il tempo per recuperare i canarini infortunati.

Gori è rientrato in gruppo
Per fortuna Mirko Gori è tornato a lavorare con i compagni di squadra e, quindi, ha smaltito anche i postumi dello stato febbrile che lo ha colpito alcune ore prima della gara con il Cosenza. Raffaele Maiello, invece, ha continuato le terapie e si spera di poterlo avere in condizione tali da partecipare alla trasferta e, magari scendere in campo per uno scampolo di partita. Dionisi, Szyminski e Bardi hanno continuato il lavoro differenziato e potrebbero essere pronti per la ripresa del campionato, quando i canarini dovranno affrontare il Livorno allo "Stirpe". Ieri pomeriggio, la squadra ha effettuato la seconda seduta di allenamento sempre sul campo della "Città dello Sport" di Ferentino. Nesta e il suo staff, dopo la fase del riscaldamento, hanno impegnato i canarini in un lavoro sulla forza, per continuare poi nella serie di esercitazioni tecniche, concluse con una partitella su campo ridotto. Osservato speciale il centrocampista svedese Marcus Rohden che, domenica scorsa, Nesta ha gettato nella mischia al 22' del secondo tempo. Con tutta probabilità toccherà proprio alui di sostituire Luca Paganini nella delicata e difficile sfida dello stadio Arechi contro la Salernitana di Gianpiero Ventura.