erto, siamo soltanto alla seconda giornata di campionato e tutto può succedere, ma è fuori discussione che dopo la pesante sconfitta subita nella gara d'esordio sul campo del Pordenone, l'esame che attende il Frosinone questa sera ha un valore comunque assoluto.

Contro l'Ascoli (stadio "Stirpe" ore 21) l'undici di Alessandro Nesta è chiamato a una netta inversione di tendenza rispetto a sei giorni prima, se non si vuole rischiare di aprire già a inizio stagione una piccola crisi. Le qualità tecniche della squadra canarina sono indubbie, ma in Serie B, lo insegna la storia di questo campionato, tutto ciò non basta per vincere le partite.

Perchè al primo posto ci sono l'attenzione, la grinta, la determinazione e la cattiveria agonistica. Qualità che lunedì sera alla "Dacia Arena" i giallazzurri hanno lasciato negli spogliatoi e delle quali non potranno certo fare a meno in una sfida che, conoscendo l'Ascoli, questa sera si preannuncia molto agonistica. La speranza è che la "lezione" impartira dai "ramarri" di Attilio Tesser sia servita a svegliare la squadra di Nesta, che questa sera potrà anche contare sul sostegno di quasi dodicimila tifosi.

L'aspetto tecnico e tattico
Entrando nell'aspetto più squisitamente tattico, il Frosinone scenderà in campo con il suo consueto modulo 4-3-1-2. Per l'occasione l'allenatore dei giallazzurri dovrà ancora una volta fare a meno degli infortunati Rohden e Szyminski e quasi certamente confermerà dal primo minuto la stessa formazione vista alla "Dacia Arena". L'unico dubbio potrebbe riguardare la linea mediana nel caso Nesta ritenga che Haas ha i novanta minuti nelle gambe.

L'escluso sarebbe uno tra Gori o Maiello. In definitiva la formazione anti Ascoli dovrebbe vedere Bardi in porta, schierato alle spalle di una difesa a quattro composta da Salvi a destra, Beghetto che agirà sulla corsia di sinistra e Brighenti-Ariaudo solita coppia di centrali. In mediana l'unico certo di una maglia appare Paganini, mentre le altre due finiranno sulle spalle di Gori, Maiello o Haas. In attacco, infine, vedremo il solito tridente dell'ultimo periodo, vale a dire quello composto da Citro e Trotta con Ciano libero di muoversi alle loro spalle.

Il giorno di Novakovich
Intanto la giornata odierna sarà anche quella dell'ufficializzazione in casa Frosinone dell'ultimo acquisto: la punta Andrjia Novakovich (serbo con doppio passaporto e attaccante nella nazionale degli Stati Uniti). Il ragazzo classe ‘96 arriva dalla formazione inglese del Reading, dopo aver collezionato 29 presenze e 9 gol lo scorso campionato in Olanda con il Fortuna Sittard. Ha firmato con il club di Viale Olimpia un contratto per ben quattro stagioni.