Il Frosinone di Marco Baroni, reduce dalla ventesima sconfitta di campionato subìta in Sardegna ad opera del Cagliari, ha iniziato ieri pomeriggio a preparare la partita contro il Napoli. I partenopei, battuti lunedì sera al "San Paolo" da un'Atalanta mai doma, non potendo guardare in avanti perchè tutto è già deciso con la Juve campione d'Italia per l'ottava volta consecutiva, cominciano a guardarsi dietro per difendere il secondo posto dal possibile ritorno dell'Inter. Lo stesso Ancelotti ha lanciato ai suoi l'avviso: «Attenti alla classifica: abbiamo ancora un vantaggio che dobbiamo difendere giocando come abbiamo fatto nella prima ora contro l'Atalanta».

Insomma per il tecnico degli azzurri ci sarà da blindare l'attuale posizione di classifica. Sulla loro strada, perciò, i canarini troveranno un avversario pronto a riscattarsi dalla sconfitta subìta contro i bergamaschi e che dovranno affrontare non per cercare punti salvezza, ormai quasi del tutto compromessa, ma per onorare la maglia che indossano. Con tutta probabilità è questa la raccomandazione che, alla ripresa degli allenamenti, il tecnico ha ribadito alla squadra. Cioè di continuare a battersi con il massimo impegno anche per ottenere l'obiettivo minimo che poi è quello di fornire prestazioni convincenti sotto tutti i punti di vista. «È un dovere ha precisato Marco Baroni nel dopo partita di Cagliari che dobbiamo sentiredentro di noiper rispetto dei tifosi e della società».

Cassata si è allenato a parte
Tutti presenti i canarini nell'impianto della "Città dello Sport" di Ferentino per iniziare la settimana di lavoro in vista del prossimo impegno contro gli azzurri partenopei. Mentre la squadra ha effettuato una serie di possessi palla conclusi con una partitella su campo ridotto, Cassata ha svolto un lavoro differenziato con Viviani e Salamon che sono stati presi in consegna dai fisioterapisti. L'ex centrocampista del Sassuolo, che durante la partita con l'Inter ha accusato un problema alla coscia destra, potrebbe rientrare in gruppo nelle prossime sedute dal momento che gli esami strumentali hanno avuto esito negativo ed essere disponibile per lagara che i canarini dovranno giocare alle ore 12,30 di domenica prossima.

Niente da fare invece per gli altri due infortunati i cui recuperi richiederanno tempi più lunghi. A Baroni mancherà pure Camillo Ciano, fermato dalla squalifica, ma tra i disponibili ci sarà Raman Chibsah che, invece, ha scontato il turno disqualifica e ha avutola possibilità di ricaricare le pile in vista di queste ultime cinque partite. Che i canarini dovranno affrontare con il massimo impegno anche se la valigia delle speranze di salvezza si è ormai quasi completamente svuotata.
Ci resta però la maglia che ciascuno indossa e che pretende il massimo rispetto.

Stamane la squadra è tornata in campo per la seconda seduta settimanale che avrà inizio, sempre sul campo di Ferentino, alleore 11,30. E così fino alla seduta di rifinitura di sabato mattina. Serviranno tutte a Marco Baroni per scegliere gli undici canarini che dovranno affrontare il terzultimo impegno al "Benito Stirpe". Non ci saranno grandi novità nello schieramento iniziale, nè in fatto di uomini e nè in fatto di moduli. Quello da cambiare assolutamente dovrà essere l'atteggiamento in campo che al "Sardegna Arena" è mancato in gran parte dell'incontro. Ed è stata sconfitta. Con il Napoli può starci e come, considerati i valori in campo, ma guai a essere battuti senza aver cercato di vendere cara la pelle.