Molto lucida l'analisi in mix zone di Capuano, che comuncia ricordando l'episodio del rosso: «Dall'espulsione di Cassata sapevamo che sarebbe stata più dura perché avremmo dovuto concedere al Genoa un po' più spazio, soprattutto sui cross.
Però abbiamo fatto un gran lavoro ed è andata bene». Questa la prima disamina nel corso del suo intervento in mixed zone di Marco Capuano, che nel post partita di Genoa-Frosinone ha parlato ai microfoni dei giornalisti presenti. Il difensore pescarese è stato autore di un'ottima prova al pari dei suoi compagni di reparto, innalzando un muro davanti la porta difesa da Sportiello che è stato praticamente inoperoso.

«Abbiamo fatto un grosso lavoro di squadra a partire dagli attaccanti - prosegue il numero 25 giallazzurro -, passando per i centrocampisti che hanno offerto una grande copertura a noi difensori e infine io e imiei compagni di reparto che all'interno dell'area di rigore siamo sempre stati attenti e precisi. È un pareggio sofferto che sa di vittoria. L'unico rammarico riguarda il match della settimana scorsa contro la Roma, perché se avessimo avuto questo atteggiamento e questa attenzione, magari avremmo conquistato un punto. Però quello che abbiamo perso otto giorni fa ce lo siamo ripresi oggi da grande squadra».

Dall'espulsione di Cassata in poi è scattato qualcosa nella mente dei giocatori, che hanno dato qualcosa in più per i restanti sessanta minuti più recupero. «Mi sono girato verso Salamon e gli ho detto che se non avessimo preso gol avremmo fatto una grande cosa. Quando si resta in dieci la prima cosa è non prendere gol, quindi abbiamo centrato l'obiettivo. Va fatto un plauso a tutta la squadra, perché anche chi è entrato ci hadato una grossa mano.È un punto che abbiamo meritato».

Domenica prossima allo "Stirpe" arriva il Torino. La formazione di Mazzarri ieri pomeriggio ha rifilato tre gol al Chievo Verona. «I granata sono una grande squadra che è in un ottimo stato di forma. Dobbiamo dare sempre il 100%, con la giusta mentalità e la grinta. Il pareggio odierno è frutto di un lavoro duro in settimana. Con un pizzico di fortuna possiamo conquistare quella vittoria in casa che manca da troppo. Avere di fronte gente del calibro di Belotti e Zaza è uno stimolo in più. «Con i miei compagni dobbiamo amalgamarci, cercheremo di aiutarci sempre fino alla fine. Dovremo stare concentrati, è l'unica cosa che ti può aiutare per fermare attaccanti di questo calibro», ha concluso Capuano.