Dopo aver raggiunto due certezze dalle ultime prestazione offerte dalla squadra, Marco Baroni ha intensificato gli allenamenti nella speranza che la squadra a breve gli possa fornire anche la terza, per presentarsi davanti alla Roma, nella gara di sabato sera, con tutte le carte in regola per compiere l'impresa di battere i giallorossi e conquistare il primo successo al "Benito Stirpe". Ma andiamo con ordine.

Dopo aver dichiarato che il Frosinone, reduce dalla vittoria sulla Sampdoria e dalla sconfitta con la Juventus, ha dimostrato di essere ormai squadra solida ed equilibrata, Marco Baroni ha aggiunto che avrebbe dovuto però migliorare la gestione della palla e l'autostima per affrontare le partite vitali con più probabilità di successo. E su questo ha in modo particolare insistito nel corso delle sedute settimanali fin qui svolte.

In quella di ieri pomeriggio i canarini sono stati, dunque, impegnati in esercitazioni tecnico-tattiche per migliorare il possesso palla per concludere l'allenamentocon una partitella su campo ridotto. Non vi hanno preso parte Ariaudo e Simic che hanno svolto lavoro differenziato, mentre Ghiglione ha continuato le terapie del caso per superare il problema al bicipite femorale destro. Stamane si è tenuta una nuova seduta con inizio alle ore 11,30.

Ipotesi di formazione
Rispetto all'undici schierato nella gara contro laJuventus, Baroni dovrebbe operare soltanto due o tre cambi. Fermo restando Sportiello a difesa dei pali, novità non ci dovrebbero essere per i tre difensori Goldaniga, Salamon e Capuano.
Anche se quest'ultimo potrebbe entrare in ballottaggio con Krajnc. A centrocampo le novità più consistenti. Maiello, infatti, potrebbe essere preferito a Viviani con la conferma di Chibsah e di Cassata come mezze ali. Sugli esterni Beghetto dovrebbe sostituire Molinaro sulla fascia sinistra, mentre su quella opposta Zampano e Paganini potrebbero essere in ballottaggio per far parte dello schieramento iniziale. Tutto dipenderà se il Frosinone dovrà iniziare la gara facendo pressione sui difensori avversari.

Nel qual caso Paganini in buone condizioni potrebbe farsi preferire. Per quanto riguarda i due attaccanti, bisognerà vedere chi tra Daniel Ciofani, Trotta o Pinamonti, sarà il compagno di reparto di Camillo Ciano. Volendo scegliere tra i tre, Pinamonti sembrerebbe al momento avere maggiori probabilità di affiancare l'ex Cesena. Comunque sono le scelte che Marco Baroni è chiamato a fare in ogni gara avendo, nonostante gli infortunati, un ventaglio di soluzioni sicuramente valide. Infatti il tecnico può contare, oltre ai canarini già nominati, su giocatori validi del tipo di Sammarco, Gori e Valzania. Soltanto dopo la seduta di rifinitura di domani mattina, Baroni potrà sciogliere tutti i suoi dubbi o meglio decidere le scelte per schierare contro la Roma la formazione migliore.