Terza vittoria stagionale per il Frosinone, arrivata lontana dalle mura amiche come le altre due contro la Spal e il Bologna. Questa volta l'uomo decisivo è Daniel Ciofani, il capitano,l'anima di questa squadra. Il bomber di Cerchio ha spazzato via le voci di mercato dello scorso gennaio, che volevano il suo futuro lontano da Frosinone. Il numero 9 giallazzurro mette lo zampino e regala tre punti fondamentali ai suoi compagni, che si portano a due lunghezze dallazona salvezza dove a quota 18 ci sono Bologna e Empoli.

«Ero convinto di tornare a giocare e di tornare a far gol - afferma convinto l'attaccante nella mixed zone del "Ferraris" alla fine della partita -. Potrei dire tante cose, ma l'unica cosa che voglio dire è che Ciofani non puo essere un problema per il Frosinone, Ciofani è sempre stato una risorsa. Ciofani si sente un giocatore fondamentale ed è sempre stato un titolare del Frosinone. Se qualcuno mi ha messo nel dimenticatoio, ha pensato che io potessi essere vecchio, è un problema suo.
Io mi sono sempre ritenuto un giocatore fondamentale e dopo il mercato mi sono anche rasserenato, perché le voci non fanno piacere. Non poteva essere che in un mese venisse cancellato quello cheun giocatore come me ha fatto in cinque anni. Oggi è il giusto premio a tutto quello che ho passato».

Dopo la dovuta precisazione, Ciofani passa ad analizzare la partita appena conclusa. Una gara giocata con grande piglio e organizzazione difensiva. «Abbiamo conquistato tre punti fondamentali che ci consentono di accorciare sulle nostre dirette concorrenti aggiunge il centravanti del Frosinone Siamo stati in grado di battere una squadra forte, a riprova di un periodo di miglioramento generale della squadra. Il gol per un attaccante è sempre importante, e lo è ancor di più dopo che è stato messo in discussione. L'infortunio che ho avuto è stato grave, e sono rientrato anche prima del dovuto sempre per aiutare la squadra, come sempre. Questo a volte neanche viene apprezzato,ma bisognarimanerelucidi pur masticando amaro».

I risultati delle dirette concorrenti portano i giallazzurri a meno due dal quartultimo posto, mai stato così vicino nelle ultime settimane. «Ripeto, sono stati tre punti fondamentali per la salvezza perché abbiamo accorciato in avanti e questo è molto importante», prosegue il bomber del Frosinone. L'attaccante conclude con una dedica per la rete messa a segno.
La terza in questo campionato dopo la doppietta all'Empoli. «Ovviamente la dedica va a Raffaella e Oliver, perché mi sono stati vicino in questo momento e sono stati la fonte della mia forza».