Termina 0-0 allo Stirpe il lunch match tra Frosinone e Milan. I diavoli di Gattuso non 'ringhiano' come avrebbe voluto il loro mister e alla fine sono i giallazzurri a recriminare per una rete annullata che ne avrebbe decretato una vittoria da mission impossible. Tutto sommato, resta un punto d'oro, conquistato contro una formazione che aveva l'obbligo morale di tornare a Milano con 3 punti. Si è visto un buon Frosinone, con delle sorprese nell'undici iniziale che non hanno deluso le aspettative. Il leone può sperare di ruggire ancora.

Il primo tempo
In uno Stirpe sold out è inizialmente il Milan di Gattuso a gestire la partita. Dopo circa 10' i rossoneri approfittano di un errore difensivo dei locali, Ariaudo rimedia spazzando in rimessa laterale. Il Frosinone prende coraggio, Ghiglione crossa da destra per Chibsah che però sbaglia completamente la conclusione. La risposta ospite è il rasoterra di Castillejo che lambisce il palo esterno. Poco più tardi è ancora Castillejo a cercare la porta ma Sportiello non si fa sorprendere. Alla mezz'ora occasione per Ghiglione servito dalla sventagliata di Beghetto: l'esterno ci prova con il destro al volo, respinge Donnarumma. Esplode lo Stirpe al 37' quando i leoni passano in vantaggio con Ciano grazie al tap-in su assist di Maiello. L'arbitro, però, dopo aver consultato il VAR annulla la rete perché viziata da fallo di Crisetig su Calhanoglu. Termina dunque 0-0 il primo tempo.

La ripresa
Il diavolo riparte in attacco, all'assalto della metà campo ciociara ma i padroni di casa non crollano, incitati dal loro pubblico che gli chiede la vittoria. Al 13' traversone di Crisetig per Pinamonti, il giovane attaccante la mette alta. Calabria prova il tiro, Krajnc devia in angolo. Poi è Ghiglione, da posizione centrale, a tentare la botta, Donnarumma gli nega la gioia. L'esterno destro accusa dei crampi e Zampano ne prende il posto. Al 27' il bolide di Ciano dai 25m impegna Donnarumma, sette giri di lancette e Calhanoglu conclude altrettanto potentemente ma la sfera finisce alta sulla traversa. Baroni si gioca anche la carta Ciofani a dieci minuti dallo scadere del tempo regolamentare. Attorno al 40' si fa vedere anche Higuain con un tiro alto. Negli ultimi minuti forcing lombardo alla ricerca disperata del vantaggio. Kessie si inserisce per il tiro di prima intenzione, brivido per il Frosinone con il rasoterra di poco al lato. Il direttore di gara concede un corposo recupero dopo il gioco spezzettato di questa seconda frazione. Ripartenza canarina e occasione con Ciano a raccogliere il suggerimento di Beghetto, Donnarumma salva in corner. Ultimi momenti infiammati ma il triplice fischio decreta lo 0-0.