Al Frosinone non basta mettere a segno due reti nella trasferta di Torino contro i granata di Mazzarri, per uscire imbattuto dalla gara dell'Olimpico. Alla fine, infatti, i padroni di casa si impongono per 3 a 2, dopo che la squadra di Moreno Longo aveva dimostrato un carattere immenso andando a recuperare in soli sei minuti il doppio svantaggio arrivato a inizio ripresa con la rete di Baselli (il primo gol dei padroni di casa era arrivato al 20' del primo tempo a firma Rincon). Un vero peccato, perché alla resa dei conti Daniel Ciofani e compagni avrebbero meritato qualcosa in più. Alla fine resta una prova tutto sommato buona, anche se a tratti, dalla quale ripartire certamente dopo la sosta della prossima settimana. Perché a questo punto è fuori discussione che la partita del 21 ottobre allo "Stirpe" contro l'Empoli può rappresentare davvero l'ultima chiamata per salvare una stagione appena cominciata, ma che per certi versi potrebbe essere già finita.

La tattica
Così come contro il Genoa, anche nella trasferta di Torino il tecnico dei canarini Moreno Longo conferma il modulo 3-4-1-2, pronto a trasformarsi in fase di non possesso in un 3-4-3.
Due le novità dal punto di vista degli uomini rispetto alla sfida persa contro il Grifone: Krajnc sul centro sinistra del terzetto difensivo al posto dell'infortunato Capuano e Ciofani a guidare l'attacco con Perica in panchina. Per il capitano dei giallazzurri si tratta dell'esordio stagionale dal primo minuto. In definitiva il Frosinone anti Torino si schiera con Sportiello tra i pali, che agisce alle spalle di una difesa a tre composta da Goldaniga sul centro destra, Krajnc sulla corsia opposta e Salamon in mezzo. A centrocampo, Zampano si occupa della fascia destra, Molinaro di quella sinistra, mentre i due mediani sono Chibsah e Hallfredsson.
In attacco Campbell, Ciofani e Ciano.

La cronaca
Dopo cinque minuti in cui il Torino fa possesso e il Frosinone si difende con ordine, al 6' i padroni di casa vanno vicinissimi al vantaggio. Meitè verticalizza per il taglio di Belotti, che da poco dentro l'area canarina lascia partire un perfetto diagonale che supera Sportiello, ma poi va a colpire il palo lontano. Al 9' errore di Salamon che si fa anticipare da Belotti al limite dell'area; per fortuna del Frosinone la conclusione dell'attac cante granata finisce fuori. Ma la pressione dell'undici di Mazzarri non rallenta e al 20' Rincon trova dal limite un destro vincente che porta i suoi avanti per 1 a 0. Al 25' il Frosinone si affaccia per la prima volta in area avversaria. Molinaro scende sulla sinistra e mette al centro un pericoloso cross sul quale Baselli anticipa di un soffio Zampano che sul secondo palo stava per spingere in rete. Buon azione dei canarini al 38' con Ciofani che serve Ciano al limite; controllo e tiro al volo che Sirigu para.
Al 43' ancora giallazzurri che si presentano in area avversaria con un cross di Zampano che Ciofani di testa manda alto. La ripresa Il secondo tempo si apre con il raddoppio immediato del Torino. Hallfredsson perde palla al limite dell'area e serve Meitè che tocca per Zaza che calcia in porta e trova la riposta di Sportiello; ma la palla termina sui piedi di Baselli che da due passi a porta vuota mette dentro. La grande occasione per rientrare in partita arriva per il Frosinone al 10' con una punizione di Ciano che trova libero Goldaniga sul secondo palo, ma il colpo di testa dell'ex Sassuolo termina alto. Ma il difensore si riscatta tre minuti più tardi quando corregge in rete da sotto misura un tiro di Ciofani.
I canarini ci credono e al 18' riescono a pareggiare le sorti dell'incontro. Campbell si libera sulla destra e mette al centro un perfetto cross sul quale Ciano anticipa tutti di testa e mette alle spalle di Sirigu. Ma al 26' il Torino torna in vantaggio. Azione sulla destra di Parigini con cross in area messo fuori dal Frosinone e sul quale Berengeur trova un destro spettacolare a giro dai venti metri che si infila all'incrocio. Un brutto colpo per i ciociari che qualche minuto più tardi su una conclusione di Nkolou che colpisce la traversa, ma al 38' vanno vicinissimi al pari.
Buon affondo del neo entrato Vloet che serve un delizioso assist a Perica che si fa incredibilmente anticipare da Berenguer. Ancora l'ex Udinese protagonista in negativo al 43' quando Chibsha, dopo l'ennesimo affondo della sua partita, lo mette solo davanti a Sirigu, ma Perica calcia addosso al portiere avversario.