Anche Edoardo Goldaniga è diventato canarino. Il difensore, nato a Milano il 2 novembre 1993, è il quarto acquisto dei sei che il presidente Maurizio Stirpe ha promesso di affidare nelle mani di Moreno Longo prima della partenza per la tournée in Canada. La trattativa, iniziata da qualche giorno, è stata perfezionata nella mattinata di ieri con l'ex centrale del Sassuolo che potrebbe anche completare il poker di neo canarini che saranno presentati nel corso della conferenza che, alle ore 11,45 odierne, si terrà nella sala stampa della "Città dello Sport" di Ferentino.
Di sicuro il Frosinone presenterà l'estremo difensore Marco Sportiello, il centrocampista Lorenzo Crisetig e l'esterno di fascia sinistra Cristian Molinaro. Con tutta probabilità Goldaniga precederà di qualche ora anche l'arrivo del suo compagno nel Sassuolo Timo Letschert. Il discorso che riguarda il difensore olandese classe ‘93 sta per essere chiuso con gli ultimi dettagli. A questo punto per completare la sestina di arrivi mancherebbe soltanto l'esterno di destra. Le possibilità maggiori le ha il serbo Darko Lazovic, classe ‘90, la cui trattativa sembra ormai prossima alla positiva definizione.

Goldaniga ha incrociato il Frosinone in cinque gare
Il neo centrale di difesa canarino è stato avversario del Frosinone in cinque partite. Due in Prima Divisione quando indossava la maglia del Pisa; una in serie B quando giocava con il Perugia; due, infine, in serie A nella formazione del Palermo. Soltanto in queste ultime due partite Edoardo Goldaniga è uscito vincitore, anche se nella gara giocata al Comunale e persa dal Frosinone 2 a 0, rimase seduto in panchina. A Palermo segnò al 5' di gioco anche il primo dei quattro gol con cui i rosanero vinsero l'incontro (per i canarini Sammarco realizzò il gol della bandiera).
Nelle altre tre partite la squadra in cui ha giocato (il Pisa gare di andata e ritorno e il Perugia soltanto ritorno) ha dovuto incassare due sconfitte mentre ha pareggiato uno a uno la gara in Toscana).

Le trattative riguardanti la seconda sestina di acquisti
Per quanto riguarda il reparto offensivo, il nome dell'attaccante che continua ad interessare il Frosinone è quello di Stipe Perica che è in uscita dall'Udinese. Il calciatore croato classe ‘95 ha fatto registrare nelle quattro stagioni trascorse in Friuli 71 presenze in A tra campionato e coppe, realizzando undici reti. Da giovedì sera è entrato nel mirino della società di Viale Olimpia anche Geoge Alexandre Puskas, classe ‘96. L'attaccante piace anche al Palermo ma il giocatore rumeno preferirebbe giocare nella massima serie. Comunque è di proprietà dell'Inter e ha indossato le maglie della Under 21 rumena e della nazionale maggiore. Contro il Frosinone ha giocato con la maglia del Benevento e con quella del Novara. Tra l'altro ha realizzato contro i canarini anche due reti. Puskas, comunque, non sarebbe la punta di prima fascia che il Frosinone sta cercando e che non può assolutamente sbagliare. Anche il discorso riguardante lo scambio di portieri tra Francesco Bardi e il più giovane Simone Scuffet è ancora aperto. Nonostante che da parte dell'Udinese ci sono state nei giorni scorsi delle dichiarazioni che non hanno confermato la trattativa.

Terzo giorno di allenamenti Ancora una doppia seduta
La squadra, infine, ha continuato ad allenarsi seguita attentamente dallo staff tecnico. Nelle due sessioni tutti i canarini, ad eccezione dei soli Daniel Ciofani e Lorenzo Ariaudo che hanno svolto un allenamento differenziato, sono stati impegnati in esercizi aerobici e in un intenso lavoro per reparti. Anche nella giornata odierna, la squadra sarà tenuta sotto pressione al mattino e nel pomeriggio.