Dà una mano importante alla sua squadra Moussa Koné, che al settimo della ripresa Longo decide di buttare nella mischia al posto di Mirko Gori, che nel primo tempo aveva dato tutto che quello che aveva dentro. Con l'ingresso del centrocampista ivoriano la mediana del Frosinone ha acquistato centimetri e forza utili a smorzare il forcing finale della formazione allenata da mister Gennaro Volpe. «Oggi abbiamo conquistato un successo fondamentale che ci dà molto morale per gli ultimi novanta minuti stagionali. Siamo contenti per essere riusciti a conquistare i tre punti, ma manca ancora una sfida importantissima e dobbiamo restare con i piedi ben piantati a terra. Il successo odierno non è il merito di un singolo, ma del coro. È stata la vittoria di tutta la squadra, di tutti i tifosi e tutto il Frosinone. Personalmente posso dire di essere entrato bene in campo e son contento di aver dato il mio supporto agli altri ragazzi in campo. Ci aspettavamo una Virtus Entella molto propositiva, perché anche loro cercavano la vittoria ed era prevedibile che si sarebbero sbilanciati tutti in avanti. Però noi siamo stati bravi a soffrire, a tenere botta e conquistare i tre punti finali».


Non sarà semplice vivere una settimana del genere, con l'e ntusiasmo della gente frusinate che la farà da padrone.
«Dobbiamo vivere questi sei giorni come abbiamo sempre fatto, con la stessa mentalità che abbiamo avuto sia dopo le vittorie che dopo le sconfitte. Cercheremo di stare tranquilli e sereni, perché abbiamo molta fiducia nei nostri mezzi».
Accantonata la vittoria di Chiavari, il numero 37 giallazzurro è già proiettato all'ultimo impegno casalingo. «Il match contro il Foggia è fondamentale, come le ultime che abbiamo disputato del resto. Giocheremo in casa, davanti ai nostri tifosi, e sicuramente sarà l'ennesima battaglia di questa stagione. Se siamo al secondo posto è perché siamo forti, quindi cercheremo di disputare la nostra partita». Una battuta finale sulla tifoseria giallazzurra presente a Chiavari in oltre 700.
«Ai nostri tifosi possiamo fare solo un grande applauso. Li invito a venire tutti venerdì sera allo stadio per sostenerci».