Il Frosinone concluderà oggi pomeriggio con la seduta di rifinitura gli allenamenti in vista dell'incontro contro il Carpi di Antonio Calabro. Il turno infrasettimanale, pur riducendo i tempi per preparare l'importante gara, ha restituito alla formazione di Moreno Longo il pieno di ritrovata fiducia nei propri mezzi, necessario per affrontare la squadra emiliana nel modo migliore. Ieri i canarini sono scesi in campo per la seconda seduta dopo la vittoriosa trasferta di Brescia, nel corso della quale la squadra è stata impegnata in una serie di esercitazioni tecnico-tattiche per migliorare gli automatismi dell'assetto tattico con il quale, per la prima volta dall'inizio di stagione, la squadra è scesa in campo allo stadio "Rigamonti".
Il solo Michele Volpe è rientrato in gruppo, mentre Bardi ha svolto lavoro differenziato. Terapie per Soddimo, Maiello e Crivello. Contro la squadra emiliana, Longo dovrebbe confermare la formazione che ha battuto le "rondinelle" .
A difesa dei pali ci sarà sicuramente Mauro Vigorito, con Matteo Ciofani e Nicolò Brighenti esterni bassi, e coppia di centrali formata da Lorenzo Ariaudo ed Emanuele Terranova. A centrocampo Raman Chibsah e Mirko Gori fungeranno da mediani, con Luca Pagani, Camillo Ciano e Federico Dionisi a formare il tridente alle spalle di Nicola Citro. Comunque nel pomeriggio, qualche lume in più potrà fornirci la conferenza stampa di Moreno Longo.


La squadra emiliana di nuovo sulla strada dei giallazzurri
Il successo di Brescia ha ridato slancio ed entusiasmo all'ambiente della tifoseria giallazzurra che, ora, è chiamata a sostenere con rinnovata passione la formazione di Moreno Longo. Le vittorie, se aiutano a vincere, concorrono anche a ricreare attorno alla squadra l'atmosfera ideale per poter affrontare nel migliore dei modi gli impegni di campionato.
Ne mancano soltanto tre e la lotta per il secondo posto resta molto incerta. I canarini, comunque, ci sono e faranno del tutto per restarci fino al termine del campionato. Però, fino a ieri pomeriggio, la prevendita dei biglietti è proseguita a ritmo lento.
Poco più di duemila i tagliandi acquistati che, ovviamente, vanno ad aggiungersi ai settemila abbonati. C'è tempo ancora per riempire il "Benito Stirpe" in tutti i settori perchè la partita è tra le più importanti tra quante finora giocate. Come al solito, da domani mattina, saranno aperti anche i botteghini dello stadio. È' in arrivo il Carpi, indomito avversario di poche ma importanti e accese sfide, con il quale il conto resta aperto. Bisogna chiuderlo a tutti i costi, sabato pomeriggio, con un'altra vittoria. Più importante sicuramente di quella del "Rigamonti".


Ruolino di marcia del Carpi In trasferta soltanto nove gol
La formazione di Antonio Calabro ha disputato venti partite in casa (otto vittorie, altrettanti pareggi e quattro sconfitte) e diciannove in trasferta (quattro vittorie, sette pareggi e otto sconfitte). In classifica occupa la decima posizione, a otto punti dalla zona play off e, quindi, ormai fuori da ogni obiettivo. Ventidue le reti segnate sul campo amico contro le diciotto subìte; nove i gol messi a segno in trasferta contro i ventiquattro incassati. Questi dati ci dicono che lontano dal "Sandro Cabassi" la formazione emiliana soffre molto. Comunque ha vinto quattro partite: a Spezia (1-0), a Cittadella (1-0), a Salerno (1-2) e a Pescara (1-0). Era il 13 marzo scorso (28° turno) e da quella partita ha conquistato soltanto in trasferta due pareggi: a Cesena 0-0 e Brescia 1-1. Sempre da quella data, invece, è stato battuto a Palermo (4-0), Ascoli (2-0) e Parma (2-1).
Le ultime due partite le ha disputate sul campo amico, pareggiandole 0-0 con Avellino ed Empoli.