Soltanto nella giornata di martedì si potrà conoscere l'entità dell'infortunio che, al 41' del primo tempo, ha costretto Daniel Ciofani a lasciare il terreno di gioco, sdraiato sull'autoambulanza elettrica che lo accompagnato a bordo campo per raggiungere gli spogliatoi. Si è pensato subito a qualche cosa di grave e questo timore è stato confermato anche da Moreno Longo che, a fine gara, ha parlato di "infortunio muscolare, purtroppo di non lieve entità». Il capitano, comunque, è stato ovviamente sottoposto alle cure di primo intervento al bicipite femorale della coscia destra che gli è stata fasciata, anche per la presenza di un ematoma alquanto esteso. Attualmente Daniel Ciofani si muove con l'aiuto delle stampelle e soltanto martedì prossimo, come detto, si potrà avere un quadro più preciso della entità dell'infortunio. Le stesse parole di Moreno Longo, che ha paventato la perdita del capitano nella fase più importante del campionato, stanno a dimostrare che ci troviamo di fronte ad un infortunio che potrebbe richiedere tempi di recupero abbastanza lunghi.
Noi, ovviamente, ci auguriamo il contrario ben conoscendo l'apporto dell'attaccante nell'economia del gioco della squadra ed il valore dei suoi gol. Anche se in queste ultime partite le polveri sono apparse alquanto bagnate.
Vittoria molto importante al di là della posta in palio
Serviva una successo per ricreare all'interno della squadra quell'entusiasmo perduto e successo è stato, strameritato sul piano del gioco e su quello temperamentale, contro la formazione di Pippo Inzaghi che, in tutto l'arco dei 99'di gioco, non ha indirizzato nello specchio della porta, difesa da Mauro Vigorito, alcuna conclusione degna di nota. I report sull'andamento del macth parlano di undici conclusioni a rete da parte della formazione ospite contro le ventisette effettuate dai canarini.
Ma, mentre abbiamo annotato, e li ricordiamo tutti, i quattro/cinque prodigiosi interventi dell'estremo difensore Vicario, non riusciamo a trovare una parata degna di tal nome da parte del portiere canarino. Il che significa che il risultato della gara poteva avere proporzioni più vistose in favore della formazione di Longo, dal momento che il divario tecnico ed agonistico, emerso durante le fasi di gioco, non ha trovato riscontro nei numeri finali della  stessa gara.
La squadra canarina attesa da un tour de force notevole
Mister Longo aspettava che scoccasse la scintilla capace di far invertire rotta nel rendimento della squadra e di propiziare il ritorno alla vittoria e l'attesa non è andata delusa. «Sono soddisfatto dell'atteggiamento ha dichiarato il tecnico perchè abbiamo aggredito la partita già dai primi minuti. Stasera la squadra era forte nella testa. Era fondamentale dare una risposta a chi aveva messo in discussione la preparazione atletica, il modulo, i ragazzi, l'allenatore. Per questo sono particolarmente contento». Grazie alla vittoria i canarini hanno potuto mantenere la posizione in attesa dei recuperi di lunedì, giorno in cui riprenderanno la preparazione. «La pausa un po' più lunga giunge opportuna ha ancora dichiarato Longo perchè, poi, avremo una serie di partite molto importanti. Per ora pensiamo a Parma e a recuperare le energie per accrescere convinzione e autostima necessarie per affrontare la valida formazione di D'Aversa con l'obbiettivo di tornare a casa con i tre punti della posta in palio».