"Suerte, Enzo". Sono le ultime due parole del comunicato con il quale la Juventus ha reso noto, in contemporanea con l'annuncio del Frosinone, la cessione a titolo temporaneo e l'arrivo di Enzo Barrenechea alla corte di Eusebio Di Francesco. Augurandogli quella fortuna che è componente necessaria per un giovane che cambia casacca con la speranza di trovare più spazio per dimostrare tutte le sue qualità. Per il club di Viale Olimpia un altro tassello importante della formazione che il tecnico dovrà schierare in campo nella difficile gara contro i campioni d'Italia del Napoli.

Chi è Enzo Barrenechea?
Ne abbiamo già parlato diffusamente nei giorni in cui il direttore Angelozzi lo stava trattando in casa Juve nel suo viaggio a Torino; ci torniamo sopra per precisare che è il decimo rinforzo della squadra giallazzurra ancora in fase di costruzione anche se avanzata. E per aggiungere che, giocando dal primo minuto il "Derby della Mole" il 28 febbraio scorso, è diventato il titolare più giovane nel periodo delle vittorie da tre punti. Centrocampista argentino classe 2001 è diventato bianconero nel 2020 per giocare nella formazione prima della Under 19 e poi della Next Gen.

Fermato da un grave infortunio al ginocchio (rottura del crociato) è rimasto 272 giorni lontano dai campi di gioco. Nato nella provincia di Cordoba, ha avuto la forza di ricominciare e di aspettare la chiamata di Allegri. Che puntuale è arrivata, come detto, in occasione del derby con il Torino che la Juve ha fatto suo con il risultato di 4 a 2. Il centrocampista ha lasciato il terreno di gioco soltanto a metà della ripresa, sostituito da Pogba. Prima di diventare titolare nella formazione bianconera, Enzo Barrenechea ha esordito anche in Champions nella gara contro il PSG del 2 novembre 2022. Martedì scorso ha lasciato la Juventus dopo avere fatto registrare 74 presenze tra Primavera, Next Gen e prima squadra.

Trattativa Cheddira
Dopo avere mancato di un soffio la Serie A, Walid Cheddira dovrebbe giocarla con la maglia giallazzurra sulle spalle. Il condizionale è d'obbligo fin quando il Frosinone non avrà ufficializzato l'acquisto. Passerà sicuramente qualche giorno ancora dal momento che il Bari (che lo cede) e il Napoli (che lo acquista) stanno perfezionando l'accordo. Quindi il club del presidente De Laurentis dovrebbe poi girarlo al Frosinone secondo le modalità a tutti note (prestito oneroso con diritto di riscatto che diventerebbe obbligo in caso di salvezza del club di Viale Olimpia). Quindi accordo su queste basi ed è importante anche che l'attaccante ne sia convinto.

Il sito Tvrs.it di Recanati, nell'articolo "Walid Cheddira irrompe in Serie A, coronato un altro sogno", dopo aver parlato della brillante carriera del giovane di Loreto, iniziando proprio dalla squadra locale per arrivare alla convocazione per il Mondiale con la maglia del Marocco e per finire ai gol segnati con il Bari, continua a raccontare che domenica scorsa «Walid ha fatto una capatina nelle Marche, si è recato nella barberia dell'amico Martin Garcia - esterno della Civitanovese – per spuntare il capello. Perché? La risposta di Martin Garcia: Walid mi ha detto che si doveva fare bello per sbarcare in Serie A».

Il mercato
Dal centrocampista ormai canarino all'attaccante che potrebbe diventarlo. Stiamo parlando di Kaio George che il direttore Angelozzi ha visto all'opera a Torino e che ha, come si sa, chiesto alla Juventus. La trattativa è i piedi anche perché il club bianconero ha mostrato la volontà di dare in prestito il giovane attaccane per facilitarne il percorso di crescita.
Ieri il Frosinone Calcio ha ufficializzato anche l'acquisto, undicesimo della serie, di Mateus Lusuardi, il difensore brasiliano classe 2004 che è arrivato ad indossare la maglia giallazzurra a titolo temporaneo con diritto di opzione.

Dal campo
Per i canarini è stato un mercoledì di allenamenti con doppia seduta e in entrambe ha preso parte anche Barrenechea. Lavoro aerobico e palestra ieri mattina, esercitazioni tecnico-tattiche nel pomeriggio. Tutti presenti con la sola eccezione di Lulic e Kalaj. La squadra è apparsa in condizioni molto buone e si è impegnata al massimo. Oggi di nuovo in campo per completare gli allenamenti con la seduta di domani. Infine, si va verso il tutto esaurito. E alludiamo al "Benito Stirpe" con gli ultimi 1.200 biglietti ancora disponibili nei settori della Tribuna centrale e Tribuna Est. Da stamane, comunque, vendita libera fino all'inizio della partita con il Napoli.