Caricato dall'importante successo ottenuto nell'ultimo turno allo "Stirpe" contro l'Ascoli (mancava da tre giornate in cui erano arrivato soltanto due punti), con fischio d'inizio alle 16,15 il Frosinone è atteso dalla trasferta sul campo del Cagliari. Una gara sulla carta molto difficile, considerando le indiscusse qualità della formazione di Ranieri, ma con i canarini che hanno comunque tutte le carte in regola per poter tornare a casa con un risultato positivo.
Segui il livescore
In fondo lo dice la classifica. Perché se tra i ciociari capolista e i sardi che occupano il sesto posto in compagnia del Parma ci sono ben diciannove punti di differenza, vorrà pur significare qualcosa. A patto, chiaramente, che la formazione di Fabio Grosso riesca a mettere nella contesa tutte quelle qualità, tecniche, agonistiche e morali, che fino a qui gli hanno permesso di dominare la stagione.

Non sappiamo se il fatto di scendere in campo conoscendo già il risultato del Bari terzo della classe possa rappresentare un vantaggio o uno svantaggio per il Frosinone, ma in ogni caso dovrà contare In maniera relativa. Lucioni e compagni, infatti, dovranno pensare soltanto alla loro di partita, e siamo certi che così faranno. Ben consci del fatto che tornando dalla Sardegna con un risultato positivo, la realizzazione di quel sogno chiamato Serie A sarebbe sempre più vicino.

Aspetto tecnico e tattico
Passando a questo punto a quello che può essere l'aspetto tattico della sfida in programma all'Unipol Domus, il grosso rammarico in casa Frosinone è quello di non poter contare sul suo capocannoniere Samuele Mulattieri. L'attaccante si è infortunato in maniera importante (stiramento di terzo grado al quadricipite della coscia sinistra) e la sua stagione è purtroppo finita in anticipo. Della lista dei convocati non fa poi parte Lulic, mentre c'è Szyminski che era out da qualche partita a questa parte.

Per quanto riguarda la formazione iniziale, a parte l'ingresso di Moro che prenderà il posto del già citato Mulattieri, Grosso dovrebbe essere alle prese con un paio di dubbi di abbondanza. Tra l'altro quelli di sempre. Il primo in difesa, dove uno tra Sampirisi, Oyono e Cotali dovrà accomodarsi in panchina. Con l'Ascoli è toccato all'ex Chievo, con il nazionale del Gabon schierato a sinistra. L'altro in avanti, dove Caso potrebbe tornare dal primo minuto dopo che nelle ultime due partite gli è stato preferito Bidaoui. Qualche chances, infine, per Baez, nel caso l'allenatore dei ciociari dovesse decidere di dare un po' di riposo a Insigne.

In definitiva l'undici anti Cagliari, schierato come sempre con modulo di partenza 4-3-3, dovrebbe vedere Turati in porta, e davanti a lui il quartetto di difesa formato dai centrali Lucioni e Ravanelli, mentre sulle corsi esterne, come detto, due tra Sampirisi, Oyono e Cotali. A centrocampo il regista sarà Mazzitelli, con ai suoi lati Rohden e Boloca. In avanti, infine, il tridente del quale abbiamo praticamente già detto, con Moro centrale, uno tra Insigne o Baez a destra e uno tra Caso o Bidaoui a sinistra.