Di nuovo in campo i canarini nel pomeriggio di ieri per riprendere la preparazione in vista del primo attacco che gli uomini il Cagliari scatenerà domenica alla capolista giallazzurra. Ne seguiranno altri cinque per arrivare ai giro di boa del campionato, ugualmente decisi e insidiosi da parte degli avversari di turno, posizionati, ad eccezione del Pisa, nelle più importanti posizioni della parte sinistra della classifica. Acqua e vento a parte, il gruppo squadra ha affrontato il programma di lavoro con il massimo impegno, ben sapendo ormai che la posizione di vertice va difesa con maggiore forza e con convinzione crescente perchè di spessore e intensità maggiori saranno gli stimoli che animeranno gli avversari per sconfiggere la prima della classe.

Sul campo della "Città dello Sport" di Ferentino, Grosso e il suo staff hanno impegnato tutti i canarini della rosa ad eccezione del Kone che si è sottoposto alle terapie post operatorie. Semmai c'è da considerare il fatto che Rohden si è allenato in gruppo solo parzialmente avendo accusato una lieve forma di affaticamento, dovuto agli impegni con la nazionale svedese. Comunque siamo solo all'inizio della preparazione settimanale per cui tempo c'è perché lo svedese possa tornare nel pieno della condizione. Per tutti gli altri lavoro aerobico concluso con la serie di esercitazioni tecniche. Per oggi è in programma una doppia seduta, sempre a Ferentino.

Rohden, due gol e sei punti
Come abbiamo già precisato, Grosso naviga nell'abbondanza, dal momento che ha a disposizione Caso, Ciervo e Oyono, che hanno saltato la partita di Ascoli, nonché Rohden, Boloca e Turati, rientrati dagli impegni con le rispettive nazionali. Tutto questo permetterà al tecnico non solo di scegliere sia i canarini che dimostreranno di essere nella migliore condizione, sia anche l'assetto tattico in grado di creare qualche problema agli avversari. Tutti aspetti che saranno valutati nelle quattro sedute di allenamento, compresa la rifinitura mancano alla gara di domenica. Per tornare su Rohden, c'è da porre in evidenza il fatto che anche nella nazionale svedese ha offerto una prestazione di livello, impreziosita tra l'altro dal primo gol nella partita vinta sul Messico, che sta a dimostrare il particolare momento di forma che il canarino sta trascorrendo. In campionato, oltre ai due gol realizzati che sono valsi sei punti (a Modena e con il Perugia), lo svedese ha evidenziato a più riprese una grande duttilità, riuscendo a dare risposte positive sia come esterno di destra del tridente offensivo, sia nel ruolo di mezzala.

Tutti allo stadio
La serie di prestazioni positive, che hanno permesso ai giallazzurri di conquistare la vetta della classifica, stanno suscitando intorno alla squadra un crescente entusiasmo al punto che c'è tanta attesa per la prossima gara. E si vede dal numero di tifosi già in possesso del biglietto di ingresso. Dei circa quindicimila posti a disposizione dei supporter di fede canarina, nel tardo pomeriggio di ieri ne risultavano venduti quasi novemila. E mancano ancora quattro giorni all'incontro.