Solo al termine della rifinitura di stamane Fabio Grosso potrà avere il quadro completo della situazione infortunati, soprattutto per quanto riguarda Giuseppe Caso e Ben Kone, che sono rientrati in gruppo ma hanno evitato di partecipare alle partitelle in programma. Ovviamente il tecnico si aspetta buone notizie anche da parte del responsabile del'equipe medica dott. D'Alessandro prima di affrontare il discorso delle scelte relative alla migliore formazione da schierare inizialmente in campo. Anche perchè ci saranno da valutare le condizioni di Mario Sampirisi che ha accusato una forma lieve di affaticamento tanto che nelle sedute di mercoledì e giovedì ha svolto lavoro differenziato.

Ieri il gruppo squadra ha svolto il penultimo allenamento nel corso del quale è stato impegnato in una seduta squisitamente tattica, conclusa con il lavoro su palla inattiva. Come detto Caso e Kone hanno continuato ad allenarsi parzialmente in gruppo con Sampirisi che ha svolto un allenamento differenziato. Infine solo terapie per Oyono. Comunque, al di là di come evolverà l'attuale quadro clinico, Grosso non avrà problemi di sorta nello schierare un undici competitivo contro una squadra che in trasferta non è stata ancora battuta. E lo dimostra il fatto che potrebbero essere addirittura tre i ballottaggi che vedono interessati sei canarini a tre maglie.

Il gioco delle coppie
Partendo dalla difesa, uno tra Szyminski e Ravanelli sarà il centrale al fianco di Lucioni, mentre nel ruolo di terzino sinistro il ballottaggio è tra Cotali e Frabotta. Che potrebbe essere superato se Sampirisi non dovesse farcela. In questo caso l'ex Monza potrebbe essere sostituito da Frabotta, lasciando via libera sulla fascia opposta a Cotali. A centrocampo solo conferme perché, alla fine, Kone sarà al suo posto, insieme a Mazzitelli e Garritano. Per il tridente di attacco solito dubbio tra Moro e Mulattieri con Rohden a destra. Sulla corsia opposta, se dovesse non farcela Caso, Grosso potrebbe puntare su Ciervo. A meno che non avanzi Garritano per fare posto a centrocampo a Boloca che a Venezia è stato utilizzato nel quarto d'ora finale.

Venduti 8.000 biglietti
La partita con il Bari è e sarà sicuramente tra le più sentite tra le numerose sfide che il campionato propone. Lo dimostra il fatto che, alle ore 19 di ieri, il numero dei tifosi del Leone, entrati in possesso del tagliando di ingresso al "Benito Stirpe", erano quasi ottomila e vanno a sommarsi agli oltre tremila che hanno risposto alla campagna abbonamenti del club giallazzurro. I supporters giallazzurri, comunque, hanno ancora la giornata odierna per fare il biglietto e le ore precedenti l'inizio della gara presso il botteghino dello stadio. Insomma, per la prima volta dall'inizio della nuova stagione, lo stadio di Viale Olimpia presenterà una cornice di pubblico degna della importanza della partita. A dimostrazione che le vittorie non solo aiutano la squadra a vincere ulteriormente ma anche ad aumentare il numero degli spettatori sugli spalti. E quella di Venezia è stata molto importante.