A due giorni dall'incontro con il Bari, note positive dal campo della "Città dello Sport" di Ferentino, dove il Frosinone prosegue la preparazione al big match casalingo di sabato contro il Bari. Riguardano le condizioni di Caso, per il problema alla spalla accusato all'inizio della ripresa della gara di Venezia, e di Kone per un problema alla caviglia venuto fuori sempre al "Penzo". Entrambi sono tornati in gruppo, anche se parzialmente, ed è un segnale sicuramente importante in vista della sfida con i "galletti". Nel report di ieri è stato precisato che, dopo la fase del riscaldamento, la squadra ha effettuato "esercitazioni tecniche e lavoro tattico. Parzialmente in gruppo Kone e Caso.

Differenziato per Sampirisi. Terapie per Oyono". Niente di preoccupante per l'ex Monza, dal momento che ha accusato una lieve forma di affaticamento muscolare che non dovrebbe in alcun modo impedirgli di essere in campo contro il Bari. La seduta di oggi e la rifinitura di domani mattina, comunque, saranno decisive per valutare da parte di Grosso le condizioni dei singoli e in modo particolare di Kone e Caso. Le possibilità che possano fare parte della formazione iniziale sono in crescita anche perché i loro problemi non sono stati di natura muscolare e quindi i rischi per i loro impieghi sono minimi. Comunque l'allenatore dei ciociari sarà ugualmente chiamato a sciogliere alcuni dubbi che l'ampio ventaglio di soluzioni alternative gli permette di risolvere nei casi di necessità.

Ipotesi di formazione
Se Grosso dovesse decidere di impiegare Kone e Caso, lo schieramento iniziale potrebbe essere lo stesso di Venezia. Le uniche varianti potrebbero riguardare il ruolo della punta centrale (Moro o Mulattieri), il centrale di centrocampo tra Mazzitelli (favorito) e Boloca, e l'esterno sinistro di difesa (Cotali o Frabotta). Discorso diverso se Caso o Kone non dovessero farcela. Ma anche in questo caso il tecnico ha valide alternative per schierare in campo una formazione competitiva. Ci sono sempre a disposizione il già citato Boloca e Ciervo o Insigne. Tutto, come detto, dipenderà dalle valutazioni che Fabio Grosso farà sulle condizioni dei singoli al termine degli allenamenti settimanali. L'importante, comunque, resta sempre il fatto che, al di là delle scelte, gli undici che andranno in campo sabato dovranno dare il meglio di loro stessi. Sia sul piano tecnico e sia sotto il profilo della determinazione e della lucidità mentale. Sono partite che possono essere decise dagli episodi per cui anche l'asticella della concentrazione dovrà essere posta molto in alto. Per concludere, c'è di molto positivo il fatto che la squadra giallazzurra sta per chiudere una serie di allenamenti molto proficui perchè svolti in un'atmosfera di entusiasmo in gran parte derivante dal successo ottenuto nell'ultimo turno in laguna. Le vittorie possono veramente aiutare a farne arrivare altre ancora.