«Sono importanti i calciatori e i gol che realizzano, ma il calcio ora è tanto altro e quindi va raccontato tutto quello che c'è dietro. Lo sviluppo del brand dipende da tanto altro e non soltanto dal campo di gioco». Sono parole dette dal direttore dell'area marketing e comunicazione del Frosinone Calcio, Salvatore Gualtieri, nel corso della conferenza stampa del maggio scorso quando parlò del "modello Frosinone" di fare calcio.

In quella di ieri pomeriggio e alla presenza del sindaco Riccardo Mastrangeli e dell'amministratore di "La Torre srl" Michele Pepponi, Gualtieri, dopo aver presentato Federica Verrelli responsabile comunicazione e marketing, ha ripreso e sviluppato il discorso sui progetti di sviluppo del club di Viale Olimpia che hanno sempre come obiettivo la sostenibilità ma riguardano non soltanto «la partita di campionato ma tante altre cose. Ossia l'extracalcio con le sue idee, le iniziative e gli investimenti». Tutte attività che, secondo Gualtieri, si trasformano a beneficio del territorio in fatto di benessere e posti di lavoro.

Ferentino e Fiuggi
I progetti sono divisi in 3 gruppi: infrastrutture, miglioramento dello stadio e progetti experience.
«I primi - ha precisato il direttore - sono progetti di investimento puro, come quello previsto per Ferentino ed è molto importante. A Ferentino si allenerà solo la prima squadra e vi sposteremo gli uffici amministrativi e tecnici. Noi siamo pronti ma manca il via libera da parte del Comune. Molto più consistente l'investimento che riguarda Fiuggi dove i lavori nella struttura di Capo i Prati, che abbiamo già in gestione provvisoria fino a giugno 2023, inizieranno nella prossima primavera. Molto probabilmente vi giocherà anche la squadra femminile oltre alla Primavera 1 e alcune formazioni del settore giovanile». Sono comunque previsti quattro campi , altrettanti di Padel coperti, oltre al rifacimento della pista di atletica e alla copertura della piscina per essere utilizzata anche di inverno.

Lavori allo "Stirpe"
I pannelli fotovoltaici, già presenti e funzionanti sulla copertura della tribuna Est, saranno collocati sulle restanti parti coperte dello stadio "Benito Stirpe". Il direttore Gualtieri ha aggiunto che «provvederemo ad acquistare anche un accumulatore di energia da sfruttare nelle gare notturne. Anche per il fotovoltaico, comunque, ci sentiremo con il Comune». Conclusi i lavori saranno affrontati quelli che riguardano i servizi lungo l'anello che circonda lo stadio. Il 19 ottobre, poi, ripartirà il Frosinone Experience che riguarderà scuola, territorio e solidarietà. Con la collaborazione dell'Università di Cassino, della Questura e a turno di una associazione del territorio attiva sul sociale.

Apertura del ristorante
Dei tanti progetti il primo a partite sarà l'apertura del ristorante. Ne ha parlato Michele Pepponi, amministratore di "La Torre" che, dopo aver dichiarato di essere lusingato di fare parte di alcuni progetti, ha aggiunto. «Noi siamo partiti da un concetto che lo stadio non è solo un posto dove si gioca a calcio ma anche un posto dove possono essere raccolte varie situazioni tra le quali una delle più importanti è quella di fare avvicinare allo stadio non solo il tifoso ma anche il cittadino. Proprio per questo parlare di ristorante è riduttivo, anche perchè sarà aperto l'intero giorno. Il locale si trasformerà nel corso della giornata. Dalla colazione al pranzo moderno, con prezzi non eccessivi, e il pomeriggio diventerà una caffetteria dove passare del tempo per poi finire con una cena più elegante. L'intenzione è di aprire il prossimo 11 gennaio».

L'intervento del sindaco
La presenza del sindaco al fianco del direttore Gualtieri e di Michele Pepponi è un segnale che Riccardo Mastangeli ha voluto dare e che rafforza i legami di collaborazione e di continuità di un rapporto vero tra l'Amministrazione dell'allora sindaco Nicola Ottaviani e il presidente del Frosinone nella persona di Maurizio Stirpe. A loro due, uomini del fare, il merito della realizzazione dello stadio nel breve volgere di poco più di un anno. Il sindaco ha tenuto subito a precisare che «solo una persona lungimirante come Maurizio Stirpe riesce a tracciare una strada ricca di progetti e di tante altre attività che porta avanti con il Frosinone Calcio». Per quanto riguarda i lavori da affrontare insieme c'è stato già un primo incontro per parlare di sicurezza e, della nuova strada e della possibilità di realizzare una scuola per accorciare i tempi della realizzazione della stessa strada di accesso all'area da parte degli ospiti. «Non sta a noi decidere l'inizio dei lavori - ha precisato Riccardo Mastrangeli - ma ci sono anche la Regione, la Provincia e la solita burocrazia. Da parte del Comune, faremo tutto il possibile per cercare di realizzare la strada, che servirà anche per l'accesso alla scuola, entro il tempo più breve. Stiamo anche lavorando per realizzare nella zona una comunità energetica con impianti fotovoltaici».