Felicità è stata per i canarini l'attesa e meritata vittoria sul Palermo che ha permesso di conquistare altri tre punti importanti per la classifica. In particolare poi per Boloca, Turati e Moro felicità è stata anche la convocazione nella nazionale rumena per il primo e nella nazionale Under 21 per gli altri due. Ancora: per Frabotta anche per l'esordio positivo in maglia giallazzurra nella partita che per il Frosinone ha significato la fine di un tabù che in campionato durava da anni. Per la tifoseria felicità è stata la dimostrazione, data ancora una volta sul campo, che la squadra di Fabio Grosso, come quella di Moreno Longo, ha vinto perchè il successo l'ha cercato più degli avversari e conquistato con il gol.

Che la formazione di Eugenio Corini non è riuscita a realizzare, bissando la prestazione senza gol di quella guidata da Roberto Stellone nella serata del 16 giugno di quattro anni fa. Infine per Fabio Grosso felicità è anche poter iniziare la ripresa della preparazione dopo la sosta di due giorni in un ambiente con il morale alle stelle, necessario per sfruttare al massimo la sosta stessa di due settimane del campionato. Arriva al momento giusto perché dà al tecnico la possibilità di fare rifiatare quei canarini che sono stati impegnati di più nelle prime sei partite di campionato, di permettere a chi invece ha giocato di meno di mettersi al passo con i compagni di squadra e, soprattutto, agli ultimi arrivati di lavorare con tranquillità perché hanno tutto il tempo di raggiungere una condizione sicuramente più vicina al top.

Alludiamo ai vari Insigne, Sampirisi, Frabotta, Ravanelli e Mazzitelli con gli ultimi tre che hanno avuto la possibilità di debuttare davanti al pubblico amico nella partita contro i rosanero conclusa con una vittoria che ci sta tutta. Forse la formazione è stata meno brillante delle precedenti, soprattutto di quelle viste all'opera al "Bentio Stirpe", ma alla fine è stata più arcigna, compatta, disposta a soffrire sul campo e, alla fine, a prevalere nella gara più complicata tra quelle finora disputate. Grazie alle due settimane di allenamenti che inizieranno nel pomeriggio, Lucioni e compagni potranno tornare a disputare gli incontri in calendario con la brillantezza e la vivacità mostrate nel passato recente.

Recupero infortunati
La sosta gioverà anche ai due infortunato Oyono e Rohden per recuperare con una partita di meno da saltare. Oggi vedremo se ci saranno novità circa le condizioni dei due giocatori. Il nazionale del Gabon si è fermato nel pomeriggio del 8 settembre per avere riportato in allenamento la frattura dello scafoide del piede destro, da valutare nei prossimi giorni. Lo svedese, da parte sua, ha saltato all'ultimo momento la gara di Cittadella dopo avere accusato un problema muscolare al termine del riscaldamento, prima dell'inizio della partita. I primi accertamenti hanno rilevato una lesione al muscolo vasto mediale destro da valutare per l'accertamento dei tempi di recupero. Tutte situazioni che si chiariranno in questi giorni. Comunque alla ripresa del campionato, quando il Frosinone dovrà vedersela in trasferta con il Parma, Grosso potrà contare su una formazione più rodata e in grado di affrontare l'impegno con le carte in regola per giocarsi la posta in palio anche contro un avversario di prima fascia.