Dopo il successo sul Como che ha posizionato il Frosinone in testa alla classifica con Reggina e Brescia, la formazione giallazzurra si troverà di fronte sabato il Cittadella. Si giocherà al "Tombolato", stadio "amico" dei canarini fino al 3 novembre 2019 quando lo zero a zero concluse la settima partita in casa dei veneti, superati tre volte e nelle restanti quattro gare costretti al pareggio. Poi l'inversione di tendenza con il Frosinone che non è riuscito a vincere negli ultimi tre campionati. L'ultimo successo esterno dei ciociari, infatti, risale alla gara del 28 gennaio 2018 grazie alle reti di Ciano e Ciofani. Stiamo parlando delle partite di campionato poichè sono state giocate anche tre gare play off, conclusi con due pareggi e con la sconfitta dei veneti , sempre al "Tombolato", nella nottata da "Leoni" del 5 agosto 2020. Tutto questo per dire che l'occasione è buona per tornare a battere i granata che, in classifica, hanno quattro punti in meno dei canarini.

Ripresa ieri pomeriggio
Con questo obiettivo la squadra ha ripreso la preparazione in vista della trasferta veneta. Tutti presenti, con Fabio Grosso e il suo staff che hanno attentamente seguito il programma di lavoro. La novità importante riguarda Luca Mazzitelli che, dopo aver svolto sedute personalizzate nei suoi primi allenamenti con la maglia giallazzurra addosso, ieri pomeriggio si è unito ai compagni di squadra. Il programma della seduta prevedeva, dopo la fase del riscaldamento, lavoro aerobico ed esercitazioni tecniche che il gruppo squadra ha affrontato con il massimo impegno. Troppo alta è la posta in palio di una partita che, come ogni altra del campionato di Serie B, presenta un indice di difficoltà molto elevato e che è necessario affrontare in condizioni fisiche ottimali. Per oggi è in programma una doppia razione di lavoro; in gran parte in palestra al mattino e sul campo nel pomeriggio in un clima positivo perché quando si vince sale il morale e la voglia di continuare. La immeritata sconfitta di Benevento è ormai in archivio e l'obiettivo, dopo la vittoria sui lariani, è quello di tornare da Cittadella con un altro risultato positivo, alla portata di capitan Lucioni e compagni.

Le scelte di Grosso
Più passano i giorni, più gli ultimi arrivati si avvicinano allo standard di rendimento ideale. Il tecnico sembra non avere fretta anche perché la squadra continua ad offrire prestazioni positive ed il campionato è soltanto agli inizi del suo percorso. Quindi anche contro il Cittadella le scelte saranno ponderate e gli innesti avverranno dopo l'attenta valutazione della condizione dei singoli. Ormai il turnover è stato cancellato dalla possibilità che ha ogni tecnico di fare cinque sostituzioni in corso d'opera e questo significa che non sarà più necessario stravolgere formazioni che hanno dimostrato di riuscire a vincere e a convincere. Se torniamo al Frosinone, Grosso ha finora mandato in campo sempre la stessa formazione ad eccezione della gara di Modena quando Mulattieri ha giocato al posto di Moro. Ciò non toglie che qualche cambio potrebbe anche esserci nella gara del Tombolato. D'altra parte il tecnico dei giallazzurri ha sempre sostenuto che in campo vanno in sedici e che, se sono importanti gli undici che cominciano la partita, non sono da meno i cinque che subentreranno a gara in corso.