Avrà un valore superiore ai tre punti in palio, la sfida che oggi alle 14 vedrà il Frosinone ospitare allo stadio "Benito Stirpe" il Como. Perché per la formazione di Fabio Grosso rappresenterà indubbiamente l'ennesimo esame dal punto di vista tecnico e tattico, ma questa volta anche e soprattutto del carattere. Già, perché mettersi alle spalle dal punto di vista mentale la sconfitta di Benevento non è cosa semplice. Un ko che va ricercato quasi esclusivamente nei due netti rigori non concessi dal signor Pairetto con la complicità del collega Serra al var. Insomma, questo pomeriggio capitan Lucioni e compagni dovranno dimostrarsi più forti dell'avversario ma, soprattutto, dei torti subiti domenica scorsa allo stadio "Vigorito". E tutto ciò potrebbe non essere facile alla luce dell'età media molto bassa della formazione di Grosso.

Per cui toccherà soprattutto al capitano, a Rohden, Garritano, Szyminski e Cotali, innescare nei compagni più giovani quella voglia immediata di rivalsa senza stare a guardare indietro. Non ultimo, guai a pensare che di fronte ci sarà una squadra che alla luce della sua attuale classifica potrebbe essere definita più che alla portata. Perché è vero che il Como nelle prime tre giornate ha rimediato soltanto due pareggi e una sconfitta, ma la qualità dei suoi calciatori è di assoluto valore (basta leggere i nomi) e mister Gattuso ha soltanto bisogno di un po' di tempo per amalgamare al meglio un gruppo molto rinnovato.

Aspetto tecnico e tattico
Entrando a questo punto più nel dettaglio tecnico della sfida di oggi e partendo dall'aspetto tattico, di certo non ci saranno novità in tal senso nella formazione di Grosso. Vale a dire il Frosinone verrà schierato dal suo allenatore con il classico 4-3-3 di partenza sulla carta, che poi diventerà un 4-2-3-1 con l'avanzamento consueto di Garritano da mezzala a sottopunta centrale. Per quanto riguarda invece gli uomini, tutti a disposizione e, rispetto alla partita di Benevento, c'è la novità saliente che tra i convocati ci sono anche tutti gli ultimi arrivati: Sampirisi, Ravanelli, Mazzitelli, Frabotta e Insigne.

Di questi, però, il solo Sampirisi potrebbe far parte della formazione iniziale, anche se nel ballottaggio con Oyono appare ancora in netto vantaggio quest'ultimo. In altre parole al fischio d'inizio del signor Massa di Imperia dovrebbero giocare gli stessi undici di domenica scorsa in casa del Benevento. In porta quindi ci sarà Turati, che agirà alle spalle dei quattro difensori: Oyono (come detto più che Mazzitelli) sulla corsia di destra, Cotali su quella opposta e Lucioni - Szyminski coppia di centrali. In mediana Boloca sarà sempre il regista con accanto a lui Garritano e Kone. Il tridente offensivo, infine, vedrà Rohden e Caso agire sulle corsie esterne e Moro punta centrale.