Errori di gioventù. Irruenza. A vent'anni o poco più, ci sta. La voglia di strappare il pallone dai piedi di Birindelli e di Valoti, prima di Kone, poi di Oyono, porta l'arbitro Serra (confortato dalla sala Var) a fischiare due penalty che sembrano mettere in discesa la partita del Monza. Che ad inizio secondo tempo invece si culla sugli allori, non rendendosi conto che irruenza a volte fa rima con entusiasmo e coraggio: e così Haoudi e Kone, in dieci minuti, trovano due gol per riaprire completamente il match. I brianzoli accusano il colpo, rischiano di deragliare, il Frosinone gioca sbarazzino e frizzante ma Stroppa indovina i cambi, dà equilibrio al centrocampo con Sensi, si affida all'estro di Colpani e alla mira di Gytkjaer che nel finale punisce oltremisura la squadra ciociara e regala i 16esimi con l'Udinese alla sua squadra.

Primo tempo
Squadre guardinghe nei primi minuti, Carlos Augusto fatica ad adattarsi da terzo centrale di sinistra, Haoudi francobolla Barberis. Ma il Monza prende fiducia e comincia ad impostare dal basso con Cragno che allarga bene e D'Alessandro che verticalizza puntualmente su Birindelli, l'ex Pisa pian piano a destra scava il solco. Caprari è libero di muoversi tra Mota e Ciurria; davanti per il Frosinone, Caso prova a duettare con Moro ma Ranocchia è molto attento. Nel momento in cui gli ospiti sciolgono la tensione, però, il primo pasticcio difensivo che spiana la strada al Monza: Kone frana sull'esterno destro di Stroppa e per Serra è calcio di rigore: ginocchio destro sulla gamba sinistra pochi centimentri dentro l'area. Il check conferma il penalty, va Valoti che al 25' spiazza Turati e manda avanti i brianzoli.

Kone prova a farsi perdonare con una bella percussione e destro potente alla destra di Cragno che si allunga e spedisce in angolo. Scampato il pericolo il Monza torna a costruire e il Frosinone si innervosisce: giallo ad Oyono per un'entrata in ritardo su Caprari al 28'. Due minuti dopo Caso prova una parabola, palla alta e al 31' Marlon si impossessa della sfera indirizzata al centro da Haoudi. Al 32' partenza destro sinistro di Boloca che prova ad innescare Moro ma Carlos Augusto è reattivo: altro angolo ma senza esito. Al 41' Turati deve intervenire smanacciando il pallone calciato da Ciurria, se ne impossessa Valoti che viene arpionato da dietro da Oyono. Secondo pasticcio e secondo calcio di rigore, che stavolta trasforma Caprari di potenza di collo destro, scheggiando il palo.

La ripresa
Nessun cambio al rientro in campo, Frosinone arrembante da subito con Caso che costringe Ranocchia in corner. Al 52' il gol che rilancia gli ospiti: Haoudi prende palla e calcia di prima intenzione, la deviazione del centrale biancorosso mette fuori causa Cragno. Sul 2-1 i padroni di casa si spaventano, dall'ennesimo calcio d'angolo Barberis è troppo timido, e invece di spazzare la consegna a Kone che l'aggancia di destro e la deposita all'angolino facendosi perdonare per il rigore provocato nel primo tempo.
I successivi minuti sono gradevoli, le squadre giocano a viso aperto. Dopo una girandola di cambi e un tentativo di Mota dalla distanza, Stroppa trova la chiave per vincerla nella coppia Colpani-Gytkjaer, il primo salta Boloca che scivola in area, serve il danese che è chirurgico: destro al volo e palla nel sacco. Frosinone fuori ma a testa altissima.