Sarà una estate bollente per Guido Angelozzi dopo le partenze di Federico Gatti, Alessio Zerbin, Francesco Zampano e di altri canarini della rosa a disposizone di Fabio Grosso nell'ultimo campionato di Serie B. Se ne sono andati giocatori che hanno messo a segno più della metà delle reti realizzate dalla formazione giallazzurra che alla fine ha fatto più gol di molte altre squadre, anche di alcune che si sono giocati la terza promozione in A nei play off.

Delle cinquantotto reti che rappresentano il bottino finale e che pongono il Frosinone al quarto posto, insieme alla Ternana, della classifica degli attacchi più prolifici, trentuno, se vi comprendiamo anche i dieci di Gabriel Charpentier, portano la firma di ex canarini ceduti o rientrati per fine prestito nelle società di appartenenza. Precisando che per il centravanti di origine francese tutto può ancora succedere, per il direttore dell'Area tecnica giallazzurra il lavoro non mancherà per riuscire a schierare ai nastri di partenza una formazione in grado di «offrire un buon calcio e di fare divertire». È questo l'obiettivo più importante anche per il prossimo campionato.

Per raggiungerlo bisognerà che il direttore Angelozzi riesca a riempire i vuoti lasciati dai canarini che indosseranno altre casacche. A partire dal titolare che dovrà difendere la porta e che il direttore sta cercando di porre a disposizione di Grosso. Il Frosinone ha prolungato di due anni il contratto di Stefano Minelli mentre rientreranno dai prestiti Stefano De Lucia (Feralpi) e Thomas Vettorel (Carrarese). A questo punto, come detto, Angelozzi sta affrontato il problema del portiere titolare con la ferrea volontà di risolverlo anche in via definitiva in presenza di positivi sviluppi del mercato.

Il responsabile dell'Area tecnica del Frosinone avrebbe perciò messo da parte la trattativa con il Bologna tendente al rinnovo del prestito di Federico Ravaglia puntando sui rapporti ottimi con il Sassuolo. E con la società neroverde starebbe cercando di chiudere la trattativa che riguarda Stefano Turati, estremo difensore classe 2001, attualmente impegnato con la nazionale italiana Under 21. Turati, che ha un contratto con il Sassuolo fino al 30 giugno 2025, ha disputato nel campionato scorso di serie B ventidue partite con la Reggina, per rientrare nella società di appartenenza. Ma solo per giocare e non per fare panchina come già è successo in due campionato di Serie A disputati con la formazione allora allenata da De Zerbi.

Insomma discorso bene avviato con Angelozzi che, forse, vorrebbe ottenere qualcosa di più del semplice prestito, magari inserendo nella trattativa anche Daniel Boloca che, da tempo, é nel mirino del club neroverde emiliano.