La seconda sosta del campionato è giunta più che provvidenziale per Fabio Grosso che ora avrà il tempo per portare tutti i canarini della rosa a un livello della condizione che possiamo ritenere molto prossimo a quello ottimale. Sia per quanto riguarda gli ultimi arrivati dalla finestra estiva del mercato, e ci riferiamo ai vari Ricci, Lulic, Cicerelli e Casosola, sia ai recuperati da infortuni cioè Maiello e Charpentier per non parlare di Novakovich, apparso ancora in ritardo dopo il lungo stop anche nel periodo della preparazione al campionato. Quindi si può anche ritenere che il Frosinone, che Grosso schiererà alla ripresa del campionato, sarà molto diverso, soprattutto nel modulo, da quello che ha iniziato e concluso la partita con il Cittadella. Schierare due attaccanti con Ciano, che punta non è, e Novakovich, ancora in precarie condizioni fisiche, riducendo la presenza della terza pedina a centrocampo, è stato un esperimento che non ha pagato. La perdurante assenza di Raffaele Maiello, fuori squadra per infortunio dal 60' della gara con il Perugia, ha fatto poi il resto costringendo agli straordinari Matteo Ricci, passato dai 9' giocati con il Perugia e dai successivi 20' con il Como ai 267' su 270' delle ultime tre gare. La sosta permetterà anche di far rifiatare Garritano che, dopo i 14' finali della gara con il Parma, è stato sempre in campo nelle restanti sei partite per 487' 540'. Stesso discorso per Canotto che ha saltato la gara di Reggio Calabria per infortunio dopo aver giocato le precedenti per 340' su 450', oltre ai 20' finali della gara con il Cittadella.

Maiello e Ricci
I due centrocampisti non hanno ancora avuto la possibilità di giocare insieme. Quando contro il Perugia l'ex Spezia è entrato in campo il compagno di squadra era già uscito per il riacutizzarsi dei postumi del pestone preso a Vicenza. Da oggi riprenderanno a lavorare insieme agli altri canarini e alle ore 16,15 di sabato 16 ottobre potrebbero far parte della formazione che Grosso schiererà inizialmente in campo allo stadio "San Vito Gigi Marulla" per affrontare i padroni di casa del Cosenza. Usiamo il condizionale ma di certo è che possono giocare insieme in un centrocampo a tre, quale quello schierato da Grosso nelle precedenti gare con la sola eccezione dell'ultima, perchè hanno i mezzi per essere centrocampisti intercambiabili nei ruoli. E possono giocare da play ma anche come mezzala. Insomma sono un valore aggiunto per la squadra giallazzurra dal momento che sarà più difficile per gli avversari bloccare le fonti di gioco della formazione che avranno di fronte. Comunque sono problemi che Fabio Grosso risolverà senza penalizzare nessuno e che tutti i tecnici vorrebbero avere. Li ha sfruttati anche Roberto Mancini che la condotto la nazionale azzurra a diventare campione d'Europa schierando in campo il doppio play. Venendo infine all'attualità, la squadra, dopo due giorni di riposo, riprenderà oggi gli allenamenti con il, tecnico che avrà due settimane di tempo per far dimenticare la battuta d'arresto di sabato scorso e per preparare la partita del riscatto contro un avversario che ha gli stessi punti del Frosinone. Anche perchè lo stadio "Marulla" ha visto i canarini vittoriosi nelle ultime due partite disputate con il risultato di 2 a 0 e di 2 a 1.