Dopo due giorni di riposo, ieri mattina il Frosinone è tornato in campo per cominciare a preparare la partita di sabato allo "Stirpe" contro il Cittadella. Per la verità si è trattato di una ripresa con doppia razione di lavoro. mattina e pomeriggio. La gara contro i veneti per il team di Viale Olimpia rappresenta un ostacolo da superare a tutti i costi per iniziare un nuovo campionato per quanto riguarda gli incontri casalinghi. Nei primi tre precedenti Ciano e compagni hanno conquistato soltanto altrettanti pareggi e, quindi, è giunto il momento di rompere con il recente passato per cominciare a fare bottino pieno tra le mura amiche. Ieri la squadra, come detto, ha svolto due sedute. Al mattino un proficuo lavoro aerobico, mentre nel pomeriggio, dopo la fase di riscaldamento, ha effettuato esercitazioni tecniche concluse con una serie di partitelle. Haoudì è rientrato in gruppo mentre lo hanno fatto parzialmente Maiello, Charpentier e Canotto. Oggi pomeriggio in programma una nuova seduta di allenamento. Osservati speciali appunto Maiello, Canotto e Charpentier. Maiello, che ha saltato gli incontri con Como, Brescia e Reggina, sembra il più probabile al rientro. A differenza degli altri due compagni il suo problema non è stato di natura muscolare e quindi più facile da gestire nel momento del rientro. Quindi per la ventesima sfida contro la formazione veneta, Grosso potrebbe avere a disposizione l'intera rosa con la sola eccezione di Brighenti. Siamo però solo alla ripresa della preparazione per cui è prematuro parlare di schieramento iniziale. Anche se i presupposti per il recupero dei tre canarini, quantomeno per la panchina, ci sono quasi tutti. Per il resto, la squadra avrà una settimana intera per recuperare le energie spese nella gara pareggiata allo stadio "Granillo" sabato scorso.
L'avversario - Eduardo Gorini è il terzo allenatore degli ultimi diciannove anni dopo Claudio Foscarini, in panchina dal 2002 al 2015, e Roberto Venturato che ha coperto il periodo successivo fino al termine della stagione 2020/ 2021. L'attuale allenatore, però, fa parte della famiglia del Cittadella da parecchi anni per essere stato preparatore tecnico nella stagione 2013/2014 e poi vice di Foscarini e di Venturato. Quindi conosce bene il Frosinone anche perchè lo ha affrontato sia con la maglia del Pavia in Serie C1 e sia con quella dello stesso Cittadella nel campionato 2010/2011. Se la società veneta ha cambiato pochi allenatori, lo stesso non si può dire per la squadra. Che si è sempre rinnovata nel corso degli anni pur imponendosi all'attenzione degli addetti ai lavori per la continuità dei risultati, fino a disputare play off in serie. Nel campionato in corso ha un punto di meno del Frosinone, ma delle sei partite disputate, quattro le ha giocate allo stadio "Pier Cesare Tombolato". In casa ha battuto il Vicenza 1-0, il Crotone 4-2 e il Pordenone 1-0 ma è stato superato dal Lecce 2-1. In trasferta ha perso contro la Cremonese (2-0) e nella sfida di Benevento (4-1).