Martedì di fatica e di sudore per il Frosinone che continua a preparare la trasferta di venerdì a Como. Grosso ha ancora a disposizione due sedute, poi la partenza alla volta della Lombardia. Un avversario da prendere con le molle quello lariano, rappresentando un ostacolo difficile da affrontare e tosto da superare. Lo dimostrano, prima della immeritata sconfitta subìta ad opera dell'Ascoli, i due pareggi conquistati sui campi di Crotone e di Lecce. La partita sarà la prima delle tre che i canarini dovranno affrontare nell'arco di otto giorni e, quindi, dovrebbe rappresentare l'anticamera del turn over che il tecnico starebbe studiando per le successive contro il Brescia in casa lunedì sera e con la Reggina sabato 25 in trasferta.

Ipotesi di formazione - Contro il Como, dunque, il tecnico potrebbe presentare inizialmente in campo uno schieramento con poche novità rispetto a quello che ha pareggiato con il Perugia. Non dovrebbero esserci in difesa, dal momento che i terzini Zampano e Cotali nonchè i centrali Gatti e Sziyminski hanno finora dimostrato efficienza fisica e compattezza. Conferme potrebbero esserci anche a centrocampo, aspettando che Ricci abbia più minutaggio sulle gambe, con Boloca, Maiello e Garritano. Qualcosa potrebbe, invece, cambiare nel tridente con Cicerelli e Tribuzzi a insidiare Canotto e Zerbin per il ruolo di esterni. E qui, aspettando Novakovich o Charpentier che potrebbe essere pronti, insieme a Ricci, per la gara contro il Brescia. Non per giocarla tutta ma per fare parte dell'undici iniziale.
Scontro ad alta quota - Schieramento a parte, la partita vivrà anche nel duello tra il centravanti Cerri e il difensore Gatti, entrambi vicini ai due metri di altezza e dotati di un fisico poderoso. L'attaccante del Como ha acquisito una certa esperienza grazie alle 177 partite giocate (38 i gol realizzati) di cui 53 in Serie A (5 le reti) con le maglie di Parma, Cagliari e Spal, mentre le altre le ha disputate in Serie B. Da parte sua, il difensore giallazzurro è un emergente che si è fatto le ossa tra i tigrotti della Pro Patria prima di diventare canarino e finora tra i migliori.
Ieri doppia seduta
Intanto la squadra, agli ordini di Fabio Grosso, ha svolto una doppia razione di allenamento. Al mattino e nel pomeriggio, sempre sul campo della "Città dello Sport" di Ferentino. Dopo la fase di riscaldamento lo staff tecnico ha impegnato tutti i canarini con una serie di situazioni tattiche, concluse con una partitella finale. Hanno svolto un lavoro differenziato sia Novakovich che Manzari. Oggi in programma una nuova seduta sempre a Ferentino. Quindi la rifinitura domani mattina e poi partenza alla volta di Como.