Una campagna acquisti estiva, quella che ha visto protagonista il Frosinone, partita molto in sordina con l'acquisto quasi esclusivamente di Under, e chiusa in crescendo con l'arrivo in maglia canarina di calciatori di provate capacità per la serie cadetta come ad esempio Garritano, Cotali, Canotto, Matteo Ricci e Casasola. Gente che, unita a quei giallazzurri che sono stati confermati (Brighenti, Zampano, Szyminski, Gori, Rohden, Boloca, Maiello, Tribuzzi, Ciano e Novakovich su tutti) e qualcuno degli under di cui dicevamo prima che ha già dimostrato di essere all'altezza della categoria (Ravaglia Gatti, Zerbin e Charpentier su tutti) permette al Frosinone di disputare questo nuovo campionato con ambizioni importanti. Non vogliamo parlare di vittoria finale, ma alla luce di quella che è la rosa a disposizione di Grosso, non si può nemmeno credere che l'obiettivo primario possa essere il mantenimento della categoria come dichiarato dal presidente Stirpe due mesi fa. Alla resa dei conti, sarà come sempre il "campo" a dare il vero e unico verdetto insindacabile. E quindi, in attesa di scoprire partita dopo partita dove potrà arrivare questo Frosinone, vorremmo intanto soffermarci sul fatto che l'innegabile qualità e le caratteristiche tecniche e tattiche dei singoli che compongono la rosa dei giallazzurri, potrà permettere al tecnico Fabio Grosso di avere un Frosinone camaleontico. Ossia in grado di "cambiare pelle" dal punto di vista tattico, sia di partita in partita a seconda delle caratteristiche dell'avversario che si troverà di fronte, ma anche a gara in corso a seconda dei momenti della stessa.

Si parte comunque dal 4-3-3
Nei primi due incontri, uno pareggiato contro il Parma e l'altro vinto a Vicenza, l'allenatore del Frosinone è partito sempre dal 4-3-3, anche se poi sotto di un gol contro i ducali ha recuperato il risultato dopo essere passato al 4-2-3-1.
Che qualità con il 4-2-3-1
Atteggiamento tattico che, con l'arrivo in particolare di Ricci e il recupero totale di Novakovich, regala al Frosinone un qualità assoluta per la serie B. Basta pensare che al di là dei quattro difensori che possono essere scelti da Grosso a suo piacimento (magari con Brighenti a destra per avere almeno in difesa un po' più di copertura), la coppia di mediana potrebbe essere composta da Maiello e Ricci con Canotto, Ciano e Garritano (da destra a sinistra) alle spalle dell'americano. Certo, si tratterebbe di un Frosinone bello da vedere ma con poco equilibrio, ecco perchè in precedenza abbiamo parlato di modulo intercambiabile anche a gara in corso.
Anche il 4-3-1-2 può fare bene
Infine c'è anche un altro atteggiamento tattico che con questa rosa di squadra Grosso potrebbe permetterti di attuare sempre con buoni risultati ed il 4-3-1-2. Ma dei resta comunque il meno probabile considerando che dei tanti esterni offensivi che ha a disposizione l'allenatore alla resa dei conti non ne giocherebbe nessuno (o al massimo uno adattato nel ruolo di trequartista).