Come sottolineato più volte da qualche giorno a questa parte per quanto riguarda il mercato, nel tempo a disposizione fino al 31 agosto (chiusura di tutte le trattative in entrata e in uscita) la dirigenza del Frosinone Calcio è chiamata quasi esclusivamente a cedere i troppi calciatori in esubero. In particolare si tratta dei "soliti noti" che il club di Viale Olimpia ha deciso da tempo di non inserire nel nuovo progetto: il portiere Bastianello, i difensori Krajnc e D'Elia, il centrocampista Tabanelli e gli attaccanti Trotta e Ardemagni. Ebbene, nella giornata di ieri la società canarina ha ufficializzato il primo di questi addii, accompagnandolo con un breve comunicato.

"Il Frosinone Calcio comunica l'avvenuta risoluzione del contratto (in scadenza il 30 giugno 2022) del calciatore Luka Krajnc". Una volta svincolato dal club ciociaro, lo sloveno ha immediatamente firmato il contratto con l'Hannover con il quale aveva l'accordo già da giorni. Un'operazione che da una parte è costata abbastanza al presidente Maurizio Stirpe, ma dall'altra ha comunque fatto risparmiare ancora di più. Il contratto di Krajnc, a salire negli anni e senza che a suo tempo venisse siglato il doppio accordo (una cifra per l'ingaggio in caso di Serie A e un'altra per la B), in questo ultimo anno era diventato molto oneroso.
Quasi unico per la serie cadetta, soprattutto per un difensore. E così, per buona pace di tutti, il Frosinone ha "dato" al calciatore una buonuscita molto vicina alla metà dell'ingaggio totale, rimettendoci quindi qualcosa, ma recuperando alla resa dei conti l'altra metà del netto e tutto il resto del lordo.

A questo punto restano ancora da cedere gli altri cinque canarini, e in particolare Trotta, Ardemagni e Tabanelli il cui ingaggio è altresì oneroso, ma non comunque ai livelli di quello di Krajnc. Per i primi due c'è un interessamento da parte di club di Serie C, e più esattamente la Juve Stabia per il primo e l'Avellino per il secondo, ma entrambi non sono convinti di voler scendere di categoria. Il responsabile dell'area tecnica Guido Angelozzi ha comunque quasi una settimana di tempo ancora per convincerli, provando questa volta a evitare una buonuscita.

Novakovich può riprendere
Intanto la squadra prosegue la preparazione in vista della prima trasferta di questa sua nuova stagione in programma sabato alle 18 allo stadio "Menti" contro i padroni di casa del Vicenza. La buona notizia è arrivata sicuramente da Novakovich. L'attaccante americano, assente da tempo per curare un problema che si porta dietro da questa estate, si è rivisto al "Città di Frosinone" e ha iniziato un lavoro personalizzato (una sorta di preparazione che era stato costretto a saltare nel periodo in cui l'avevano svolta il resto dei suoi compagni). Nel giro di due o al massimo tre settimane dovrebbe quindi tornare a piena disposizione di Fabio Grosso. Al doppio allenamento di ieri erano presenti tutti gli altri effettivi della rosa giallazzurra, con i soli Gori e Brighenti che per problemi fisici hanno svolto lavoro differenziato.