Con la seduta di rifinitura del lavoro svolto in settimana, il Frosinone è pronto per l'operazione Toscana dalla quale vuole trarre sostanziosi benefici in classifica. Inizierà domani al "Castellani" di Empoli e proseguirà martedì prossimo all'Arena Garabaldi stadio "Romeo Anconetani" dove affronterà il Pisa degli ex Gucher Soddimo e Masucci. Concluso il lavoro sul campo, inizierà per Alessandro Nesta quello della riflessione o meglio delle scelte relative alla formazione da schierare inizialmente in campo. E non sarà un lavoro facile dal momento che il tecnico, dopo aver valutato l'intero gruppo nelle cinque sedute di allenamento, dovrà fare le scelte giuste anche in considerazione della gara che i canarini dovranno giocare dopo appena tre giorni. Ieri pomeriggio la squadra, dopo la fase del riscaldamento, è stata impegnata nelle esercitazioni tattiche, nelle palle inattive e nella immancabile partitella finale. Parzialmente in gruppo Volpe mentre Baroni e Luciani hanno effettuato un allenamento differenziato. Infine terapie per Ciano e Millico.

Ipotesi di formazione
Come detto il recupero di Pisa potrebbe in parte condizionare le scelte di Nesta per la gara contro la capolista. Fermo restando l'impiego di Bardi a difesa della porta, bisognerà vedere in quale partita il tecnico deciderà di riportare nella formazione iniziale Capuano, che si sta allenando con il gruppo da diversi giorni a questa parte. E se vorrà far rifiatare Szyminski, che tra l'altro è un difensore adattato a sinistra avendo nel destro il piede migliore, utilizzato spesso dopo l'infortunio accusato dall'ex Cagliari. Restando su Marco Capuano, c'è da precisare che è rimasto lontano dai campi di gioco dalla partita con la Cremonese del primo novembre dell'anno scorso. Poi tra infortuni e positività al Covid ha saltato ben dieci gare mentre in due, e precisamente quelle con Salernitana e Reggina, è rimasto inutilizzato in panchina. In ogni caso il pacchetto di difesa dovrebbe essere formato da Brighenti, che tra l'altro si porta da tempo dietro la diffida, da Ariaudo e da Szyminski o Capuano. Tenendo presente che anche Curado è tornato in campo da alcuni giorni dopo la quarantena domiciliare. A centrocampo, fermo restando che sulle corsie potrebbero essere riconfermati Salvi e Zampano, diffidato al pari di Kastanos e Brighenti, per i tre interni la scelta è ampia con Rohden, Maiello e Kastanos che potrebbero essere preferiti a Gori, Tabanelli, Carraro, Vitale e Boloca. In avanti Alessio Tribuzzi dovrebbe essere la seconda punta con Novakovich o Pazyszek, dopo che questi ultimi due canarini non hanno dato prova di poter coesistere nelle ultime due partite.
Dal mercato
Prima le cessioni e poi, eventualmente, gli acquisti. Non perchè non ci sia posto nella lista degli Over, ma solo per motivi di bilancio. Per le prime l'indiziato più importante sembra essere Beghetto sul quale il Pisa ha puntato per potenziare la fascia sinistra. In partenza la società avrebbe posto anche altri canarini soprattutto per sfoltire il reparto dei centrocampisti. E allora è stato fatto il nome di Tabanelli sul quale si sono appuntate le attenzioni della Reggina. Ma la trattativa non dovrebbe aver fatto passi in avanti. Per gli acquisti si continua a parlare di Vitale e di Di Gaudio del Verona ma si ha l'impressione che bisognerà attendere l'ultimo giorno di mercato con la sorpresa di Pietro Iemmello se non prenderà altre direzioni prima e se il Frosinone sarà riuscito a cedere alcuni dei suoi attuali giocatori.