Allo Stirpe scende in campo un Frosinone completamente inedito nel modulo e nell'assetto. Mirko Gori si sacrifica in difesa, i laterali fanno i terzini, la mezzala Tribuzzi affianca Ciano in fase di possesso palla provando a sostenere l'unica punta a disposizione, Parzyszek. La formazione ciociara, falcidiata dalle positività al Covid, gioca un buon primo tempo, ma passa in svantaggio all'inizio del secondo. Come accade spesso quando si trova spalle al muro, trova le migliori energie psico-fisiche e nel finale il grande cuore di una squadra ferita ma non doma, tiene a galla gruppo e classifica. La partita si sblocca nel secondo tempo con un colpo di testa di Diaw sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla destra. Nel finale  il Pordenone si abbassa provando a gestire il vantaggio  e viene punito all'84': Boloca calcia a botta sicura, Perisan respinge e sul tap in è Parzysek il più veloce a depositare in rete. I canarini esultano come se avessero vinto una finalissima: giusto così. Un pari che vale tanto, per il morale, dedicato ai compagni che si trovano a combattere contro il virus...

TABELLINO

FROSINONE (4-3-3): Iacobucci; Zampano, Szyminski, Gori, Beghetto; Boloca, Vitale, Kastanos; Tribuzzi, Ciano (15' st Tabanelli), Parzyszek A disposizione: Marcianò, Trovato. Allenatore: Nesta.

PORDENONE: Perisan; Berra, Vogliacco, Camporese, Falasco; Zammarini, Calò (40' st Mallamo), Scavone (34' st Pasa); Ciurria; Diaw, Musiolik (19' st Butic). A disposizione: Bindi, Passadori, Barasin, Gavazzi, Banse, Foschiani, Bassoli, Chrzanowski, Rossetti. Allenatore: Tesser.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 5-4 per il Pordenone; ammoniti: 33' pt Tesser, 42' pt Boloca, 28' st Diaw, 29' st Gori; recuperi: 1' pt; 4' st.

Arbitro:  Pezzuto  di Lecce; assistenti  Mastrodonato di Molfetta (Ba) e Sechi di Sassari

Reti: 7' pt Diaw, 39' st Parzyszek